Il Covid fa paura, Giappone sospende la promozione del turismo

Il governo aveva approvato dei sussidi per spingere le persone a viaggiare entro i confini del Paese: una misura fortemente criticata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – Il governo giapponese ha deciso la sospensione temporanea del suo programma di sussidi per la promozione del turismo interno, fortemente criticato dall’opinione pubblica negli ultimi giorni come possibile veicolo di diffusione del virus. La campagna, nota come ‘Go To Travel’, sarà interrotta a livello nazionale dal 28 dicembre all’11 gennaio “con riserva di prorogarne il blocco in base a come evolverà il quadro dei contagi dopo le vacanze di Capodanno”, come dichiarato dal primo ministro Yoshihide Suga al termine della riunione della task force del governo incaricata di gestire la pandemia. Il ritardo nel prendere decisioni per contrastare quella che gli esperti definiscono terza ondata di contagi nel Paese ha provocato un crollo dei consensi verso il governo, che in soli due mesi ha visto scendere la percentuale di approvazione da parte degli elettori da quasi il 70% al 40% registrato negli ultimi sondaggi diffusi dai media in questi giorni. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»