Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 15 novembre 2021

I titoli e il tg politico parlamentare della Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, VALIDITÀ GREEN PASS CALERÀ A 9 MESI

Il numero dei contagi cresce in tutta Italia. Il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, annuncia che la sua regione è a un passo dalla zona gialla, ma lancia l’allarme sul futuro. L’eventuale passaggio alla zona arancione, dice, sarebbe “drammatico per l’economia”. Aumentano i positivi anche tra gli infermieri: nell’ultimo mese si sono ammalati oltre 2.700 operatori sanitari. Secondo i dati del sindacato, si registrano 90 professionisti colpiti dal Covid ogni giorno. Ricoveri e terapie intesive, per ora, restano sotto controllo. Però, di fronte alla curva epidemiologica in risalita, il governo pensa di ridurre la validità del Green passa da 12 a 9 mesi per spingere sulla terza dose del vaccino.

MANOVRA, SALVINI VUOLE NUOVA ROTTAMAZIONE CARTELLE

Prove di intesa tra i partiti per far sì che la legge di bilancio venga approvata nel modo più rapido possibile, come suggerito dal segretario del Pd Enrico Letta. La manovra comincerà il suo iter domani dal Senato, per il via libera c’è a disposizione meno di un mese e mezzo. Intanto, la Lega rilancia sul fisco. Matteo Salvini chiede la rottamazione di tutte le cartelle esattoriali degli anni 2018 e 2019, e la riapertura dei termini di pagamento per chi non è riuscito o non riuscirà a pagare le rate delle altre rottamazioni per colpa del Covid.

COP26, “RISULTATO IMPORTANTE, NON BLA BLA BLA”

Alla Cop26 “abbiamo raggiunto un risultato importante”. Lo dice il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. “Tutti i Paesi, compresi Cina e India, hanno accettato di non arrivare a 2 gradi di riscaldamento globale a metà secolo, ma a un grado e mezzo e questo è fondamentale”. Sul carbone, spiega Cingolani, tracciando un bilancio del vertice di Glasgow, “se avessimo fatto i duri e puri, Cina e India non avrebbero firmato”. Il ministro risponde alle critiche di Greta Thumberg: “Le soluzioni non sono semplici- sottolinea- 194 Stati che discutono per due settimane non è bla bla bla, è la democrazia”.

POLONIA, MATTARELLA: ACCOGLIERE PROFUGHI

“E’ sconcertante quanto avviene in più luoghi ai confini dell’Unione europea”. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, interviene a difesa dei migranti che in migliaia si trovano al confine tra Polonia e Bielorussia. Alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Siena, il capo dello Stato ammonisce: “E’ sorprendente il divario tra i grandi principi proclamati e il non tener conto della fame e del freddo cui sono esposti gli essere umani al confine dell’Europa”. Mattarella torna anche sulla crisi dell’Afghanistan sollecitando l’accoglienza dei profughi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»