Basilicata arancione ma valuta la chiusura delle scuole fino a Pasqua

Bambina-al-computer-compiti-scuola-a-distanza-didattica
Attesa in queste ore la decisione da parte dell'Unità di Crisi della Regione sulla base dei dati epidemiologici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – La Regione Basilicata sta valutando in queste ore la possibilità di estendere la didattica a distanza fino a dopo Pasqua, nonostante il passaggio in zona arancione a partire da domani 16 marzo. “Apprendiamo che la riunione dell’unità di crisi tenuta ieri mattina non si è chiusa con una indicazione definitiva sul problema scuole – scrive su Facebook il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Roberto Cifarelli -. Sembrerebbe che al fine di verificare l’opportunità di prolungare la dad fino a dopo Pasqua, la riunione sia stata sospesa per un approfondimento sui dati da parte del direttore del dipartimento Salute”, Ernesto Esposito.

Il presidente Vito Bardi a quel punto avrebbe sospeso l’incontro per riprenderlo nel pomeriggio di ieri. Cifarelli riferisce che successivamente “non c’è stata più alcuna riunione, mentre tutti, genitori, alunni e famiglie intere attendono notizie per organizzare le proprie vite. Intanto i sindaci, in attesa del nulla, vanno in ordine sparso con proprie ordinanze. Più che in zona arancione – conclude il consigliere regionale – la Basilicata mi sembra in fuori gioco”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»