Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, scontro tra Salvini e ministro del Lussemburgo: “Migliaia di italiani sono venuti a lavorare da noi”

Vicepremier: "Voglio italiani che fanno figli, non nuovi schiavi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Scontro a Vienna tra il ministro dell’interno Matteo Salvini e Jean Asselborn, ministro degli esteri e dell’immigrazione del Lussemburgo.  “Il Ministro del Lussemburgo ha dichiarato che in Europa “abbiamo bisogno di immigrati perché stiamo invecchiando“. Gli ho risposto che io invece lavoro perchè i ragazzi italiani (ed Europei) tornino a mettere al mondo dei figli perchè non voglio nuovi schiavi. Non l’ha presa bene”, dice Matteo Salvini, sintetizzando su facebook il suo intervento al tavolo della conferenza di Vienna.

Nel video dell’intervento si vede Salvini dire al collega: “Noi non vogliamo nuovi schiavi per soppiantare i figli che noi non facciamo piu'”. Alle sue parole Asselborn replica a brutto muso: “Tu pensa agli italiani”, ha detto a Salvini ricordando che gli italiani sono stati migranti, e sono andati a lavorare in Lussemburgo, per guadagnare e costituire una famiglia.

Nell’alterco con il ministro dell’interno Matteo Salvini, Jean Asselborn, ministro degli esteri e dell’immigrazione del Lussemburgo, dice: “Io sono il ministro del Lussemburgo e controllo le mie finanze, voi in Italia dovete occuparvi dei vostri soldi per aiutare a dare da mangiare ai vostri figli”.

E aggiunge: “In Lussemburgo, caro signore, avevamo migliaia di italiani che sono venuti a lavorare da noi, dei migranti, affinché voi in Italia poteste avere i soldi per i vostri figli”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»