Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Lazio, edizione del 14 giugno 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LAZIO ZONA BIANCA: STOP COPRIFUOCO, CONSUMAZIONI ANCHE AL CHIUSO

Per la prima volta dall’inizio dell’emergenza Covid i cittadini del Lazio hanno vissuto la giornata in zona bianca, cioé senza particolari restrizioni tranne il mantenimento del distanziamento sociale, il divieto di assembramento e le mascherine. Niente più coprifuoco e nessuna limitazione nelle consumazioni in bar e ristoranti, dove si potrà mangiare anche al chiuso purché le sei persone ammesse ai tavoli siano conviventi. Riaperte anche le piscine al coperto, i centri termali, le fiere, i centri culturali e ricreativi e i parchi tematici.

COVID, ZINGARETTI: SIAMO AL RITMO DI 70MILA VACCINI AL GIORNO

Il blocco delle somministrazioni del siero Astrazeneca agli under 60 non ha inciso sulla campagna vaccinale nel Lazio. “Non sta rallentando, anzi. Siamo al ritmo di 70mila dosi al giorno e stanotte c’è stata una grandissima partecipazione dei giovani”, ha detto il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, che non è pentito della scelta di fare svolgere gli Open Day. “Abbiamo sempre rispettato le indicazioni su quali vaccini usare e nessuno si è mai sognato di somministrare qualcosa a chi non poteva- ha aggiunto il presidente della Regione- Per la prima volta nel 2021 siamo arrivati a zero decessi per Covid e sull’uso di Astrazeneca ci atterremo alle indicazioni di Cts e Governo”.

ARDEA, INDAGINE CARABINIERI: PISTOLA DELLA STRAGE ERA SPARITA

La pistola con cui Andrea Pignani ha ucciso due bambini e un anziano ieri ad Ardea, prima di togliersi la vita, era sparita. L’arma era regolarmente detenuta dal padre dell’uomo, una ex guardia giurata deceduta nel 2020, ma poi se ne sono perse le tracce e così la famiglia non avrebbe potuto restituirla. Lo ha riferito ai Carabinieri la madre di Pignani, ascoltata nell’ambito delle indagini che stanno conducendo i militari dell’Arma. Dai primi riscontri non sono emerse denunce o esposti per minacce ai residenti o spari in aria nei confronti dell’autore della strage né che vi fosse una conoscenza pregressa tra lui e il papa’ dei bimbi uccisi.

RIFIUTI, MINISTRO CINGOLANI: TROVATE SOLUZIONI PER CRISI ROMA

La risoluzione dell’ennesima crisi rifiuti di Roma è vicina. “Abbiamo identificato alcune strade, ci sto lavorando in queste ore e il mio ruolo ora è far convergere su una soluzione che vada bene a tutti- ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani- Spero di poter dare una buona notizia nei prossimi giorni”. Non si tratterà di un intervento sull’emergenza: “Roma ha bisogno di un piano di lungo termine in cui si capisca dove andare- ha aggiunto Cingolani- e noi ci stiamo avviando in questa direzione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»