Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trieste aderisce allo sciopero dei porti. Usb: “Lacune sul fronte della sicurezza”

sciopero portuali trieste
L'Unione Sindacale di Base ha indetto una mobilitazione "dopo l'ennesimo omicidio sul lavoro a Salerno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – L’Unione Sindacale di Base a Trieste ha aderito allo sciopero generale nazionale dei porti, con un presidio durante l’intera mattinata di oggi. Una mobilitazione indetta “dopo l’ennesimo omicidio sul lavoro– si legge in una nota- di un portuale, avvenuto a Salerno”. A Trieste in particolare i sindacati denunciano “alcune lacune che a tutt’oggi permangono a Trieste e Monfalcone”. Per esprimere disagi e richieste, hanno diffuso un testo.

L’ultimo incontro presso l’Autorità Portuale- si legge- in presenza del nuovo direttore generale Torbianelli, ha determinato una serie di impegni ed una assunzione di responsabilità da parte della stessa Autorità”. Che nell’occasione ha reso noto lo stato di avanzamento “del processo di sorveglianza- prosegue la nota- sulla sicurezza e l’insieme delle misure intraprese per sopperire alle numerose criticità riscontrate, riguardanti soprattutto l’attività svolta dai terminalisti”.

La discussione, alla presenza di tutte le organizzazioni sindacali, ha però evidenziato “ulteriormente i temi aperti– spiegano- che sono per Usb di vitale importanza per un lavoro in sicurezza presso il porto di Trieste”. I sindacati chiedono quindi “l’applicazione integrale dell’ordinanza Bassin che ancora oggi evidenzia lacune pesanti, sia sulle responsabilità che sull’individuazione dei ruoli come previsti dalla stessa. Su questo- sottolineano- è necessaria un’analisi profonda ed un cambio di passo sulla formazione, e sulle attività di coordinamento e del ruolo dei segnalatori”. E ancora viene sollecitato un presidio sanitario fisso nel porto, “su cui– spiegano- c’è stato un impegno formale di cui oggi non vi è ancora traccia”.

LEGGI ANCHE: A Trieste sondaggio per dare nomi alle terrazze sul mare ed una spiaggia per cani

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»