Ddl Zan, che cos’è e cosa prevede il disegno di legge contro l’omotransfobia

ddl zan
Approvato alla Camera a novembre 2020, dopo mesi di polemiche, è stato sbloccato e calendarizzato a fine aprile al Senato, incardinato in Commissione Giustizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ddl Zan contro l’omotransfobia è da settimane al centro del dibattito pubblico italiano. Si moltiplicano le manifestazioni dei fautori e dei detrattori della legge e, dopo l’appuntamento milanese dell’8 maggio, domani i sostenitori della legge tornano a mobilitarsi a livello nazionale, con l’evento centrale a Roma in piazza del Popolo. Approvato alla Camera a novembre 2020, dopo mesi di polemiche il ddl Zan è stato sbloccato e calendarizzato a fine aprile al Senato, incardinato in Commissione Giustizia. Il testo, intitolato ‘Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità’, riunisce diversi progetti legislativi precedenti in dieci articoli che introducono importanti novità sul fronte della lotta a discriminazioni e violenze nei confronti dei soggetti che più spesso le subiscono, come persone gay o transessuali, donne e persone con disabilità.

Tra le principali novità, oltre all’inasprimento delle pene contro i responsabili di discriminazioni basate su sesso, genere, identità di genere, orientamento sessuale e disabilità, è prevista anche un’azione di sensibilizzazione che passa attraverso l’istituzione della Giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia, da celebrarsi il 17 maggio, e l’elaborazione con cadenza triennale di una “strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni per motivi legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere”. Prevista anche una rilevazione statistica Istat di discriminazioni e violenze realizzate per progettare “politiche di prevenzione” con “cadenza almeno triennale”. 

LEGGI ANCHE: Ddl Zan, il 15 maggio manifestazione nazionale: appuntamento centrale a Roma

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»