Covid, a Bari l’amore nasce in corsia al Policlinico

michele antonella
La love story tra i due infermieri dei reparti di Pneumologia e Nefrologia del Policlinico di Bari è stata resa nota, pubblicamente, nel giorno di San Valentino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – A unirli è stata la lotta al coronavirus.  L’amore è nato in corsia tra guanti, calzari, mascherine protettive che non hanno impedito loro di scambiarsi sguardi complici che li hanno resi una coppia. Sono Michele e Antonella, due infermieri dei reparti di Pneumologia e Nefrologia del Policlinico di Bari. L’azienda universitaria e ospedaliera ha reso noto la loro love story tramite social nel giorno dedicato agli innamorati: San Valentino. Nella foto che li ritrae, sono bardati e pronti a curare i malati covid ma si coglie tra loro l’intesa dell’amore che va oltre le visiere. Si sono conosciuti nei mesi più duri della emergenza sanitaria, nella pause da farmaci e monitor in cui hanno condiviso i racconti di turni massacranti, timori e voglia di farcela. Così è nato il loro amore. “Il Policlinico mi ha regalato ciò che tutti sognano in un periodo così difficile– spiega Michele – Un posto di lavoro e infermieri, medici e operatori sanitari che sono diventati amici.  Ma soprattutto ho conosciuto Antonella. Senza il Policlinico non ci saremmo mai incontrati“. Michele ha infatti preso servizio a marzo dell’anno scorso nel covid hospital. “Con i colleghi abbiamo condiviso tutto, dalle gioie ai dolori. Con Antonella anche l’amore”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»