Digitale e comunicazione pubblica: il 18 novembre l’assemblea nazionale di PA Social

Pronto il programma dell’edizione 2020 in versione digitale. Tutte le nuove sfide della comunicazione e informazione al centro della giornata che sarà live sui social
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tutto pronto per l’edizione 2020 dell’assemblea nazionale dell’Associazione PA Social che quest’anno si svolgerà in versione completamente digitale mercoledì 18 novembre. A partire dalle ore 9 e fino alle ore 18, attraverso i canali Facebook, YouTube, LinkedIn dell’associazione, sarà possibile seguire i lavori che hanno il patrocinio della Camera dei Deputati. Dopo i saluti istituzionali, tra i quali è previsto l’intervento della Sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico Mirella Liuzzi, l’introduzione del presidente di PA Social Francesco Di Costanzo e la presentazione di progetti, iniziative e partnership, partiranno con un talk dedicata alla riforma della legge sulla comunicazione e informazione pubblica a cui parteciperanno Mario Morcellini (docente di Comunicazione, Giornalismo e Reti digitali), Carlo Verna (presidente Ordine dei Giornalisti), Sergio Talamo (coordinatore Gruppo di lavoro Ministero Pubblica Amministrazione per la riforma della legge 150). 

Spazio anche alle interviste che saranno condotte dal giornalista responsabile social dell’Agenzia Dire, Piero Bonito Oliva, e che vedranno protagonisti Stefano D’Orazio (Regional Director Italy Hootsuite), Paolo Ghezzi (Direttore Generale InfoCamere), Pietro Biglia (Marketing manager L’Eco della Stampa). 

Protagonista del terzo panel sarà il mondo della Sanità con un talk su esperienze utili ed innovative, che vedrà tra i relatori: Silvestro Giannantonio (Ufficio Stampa e Comunicazione Federazione Nazionale Ordine Professioni Infermieristiche), Davide Zirone (Public Policy and Government Affairs Manager TikTok), Alessandro Conte (coordinatore progetto Dottore ma è vero che), Noemi Urso (staff comunicazione Federazione Nazionale Ordine dei Medici), Roberta Mochi, Lorella Salce, Marzia Sandroni (coordinatrici Tavolo nazionale Sanità PA Social).

Dalla Sanità alla Cultura e Turismo con un panel dedicato alla comunicazione digitale per il rilancio di questi settori con la partecipazione di Angelo Mazzetti (Public Policy Manager Facebook Italia), Giuseppe Ariano (direttore comunicazione Scabec), Pietro Contaldo (presidente IgersItalia), Cristina Zannier (social media manager Comune di Grado). A chiudere la mattinata la presentazione dei coordinamenti e coordinatori regionali e degli enti associati a PA Social da tutta Italia. 

“Il 2020 continua purtroppo ad essere un anno molto difficile – spiega il presidente di PA Social Francesco Di Costanzo – dobbiamo però fare lo sforzo di pianificare e mettere le basi per la nuova normalità. L’emergenza ha accelerato alcuni processi legati al digitale, allo smart working e anche alla definitiva consacrazione dell’utilità della comunicazione e informazione digitale per un servizio di qualità al cittadino. L’era digitale della comunicazione e informazione pubblica è già iniziata, ha bisogno di essere strutturata in modo definitivo all’interno del nostro settore pubblico. L’assemblea nazionale di PA Social, come ogni anno seppur in modalità completamente digitale, sarà una importante occasione di partecipazione e di scambio, un appuntamento dove presentare percorsi, progetti e attività, gli scenari e le opportunità del settore, tante esperienze innovative che anche nel corso della pandemia hanno saputo rispondere alle esigenze dei cittadini. Nonostante le difficoltà non dobbiamo fermarci e continuare il lavoro sulla strada dell’innovazione di enti e aziende pubbliche”.

 

Nel pomeriggio (inizio ore 14) saranno le tante attività di formazione ad aprire i lavori con la partecipazione di Caterina Perniconi (responsabile Formazione PA Social), Giordano Alborghetti (tesoriere Libre Italia), Roberto Zarriello (giornalista e coordinatore Digital Lab). 

Spazio poi allo Smartphone d’Oro, il primo premio italiano dedicato alla comunicazione e informazione pubblica digitale, alle ultime battute della fase di votazione e che il 3 dicembre vivrà l’evento finale di premiazione, con la partecipazione di Ulisse Spinnato Vega (portavoce Ministro per la Pubblica Amministrazione e membro Giuria Scientifica del Premio). Non mancano gli scenari internazionali con il gruppo di lavoro Ocse sulla comunicazione pubblica e l’intervento di Carlotta Alfonsi (Open Government Unit OECD) e l’approfondimento sulle tematiche ambientali con un talk dedicato con Silvio Nobili (social media manager ARERA), Chiara Bianchini (giornalista e fondatrice del blog Emergenza 2.0), Marieva Favoino (giornalista, comunicatrice pubblica e attivista digitale), Gianluca Spitella (direttore comunicazione ARERA). 

Come far partire un programma di Advocacy con Hootsuite Amplify? Tutti i suggerimenti nel training condotto da Oscar Sala (Alpenite). A chiudere la giornata i dati e gli scenari sul mondo della comunicazione e informazione digitale italiana a cura dell’Osservatorio nazionale sulla comunicazione digitale e con gli interventi di Livio Gigliuto (direttore Osservatorio e vice presidente Istituto Piepoli), Michele Bergonzi (docente Università IULM), Paolo Carito (responsabile marketing Lega Pro e responsabile Sport per l’Osservatorio), Aurora Fantin (social media manager), Alessandro Lovari (docente Università di Cagliari), Mattia Morandi (capo ufficio stampa Ministero Beni Culturali e Turismo e responsabile Cultura e Turismo per l’Osservatorio).

L’Assemblea nazionale di PA Social è organizzata con il patrocinio della Camera dei Deputati, con i partner L’Eco della Stampa e Hootsuite e i media partner Agenzia Dire, IgersItalia, IPress live, Cittadini di Twitter, Digital Media, Il Giornale della Protezione Civile, Velocità Media, Data Magazine, Innovazione 2020. Per tutte le informazioni e gli approfondimenti è possibile consultare il sito di PA Social www.pasocial.info.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»