VIDEO | Dai balconi ai live streaming degli artisti, l’antidoto all’isolamento da Covid-19

Esorcizzare la paura, annullare le distanze, sentirsi parte di un tutto. Questi i motivi che spingono i cittadini a spalancare le finestre, a uscire sui balconi e cantare a squarciagola
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Esorcizzare la paura, annullare le distanze, sentirsi parte di un tutto. Questi i motivi che spingono i cittadini, in questi giorni di #iorestoacasa, a spalancare le finestre, a uscire sui balconi e cantare a squarciagola. Il canto unisce e scalda i cuori e poco importa se si intona l’inno d’Italia, come è successo in un condominio di Salerno, o ‘Abbracciame’ di Andrea Sannino, con protagonisti cittadini della zona orientale di Napoli. E lo stesso brano dell’artista partenopeo è stato scelto anche per l’esibizione corale di alcuni condomini ieri sera ad Aversa. Mentre a Benevento è andato in scena un vero e proprio concerto di tammorre: da un balcone le note di un tamburello, da un altro la voce e da una finestra le percussioni ritmiche delle nacchere.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Tammurriata dai balconi a Benevento contro l’isolamento da coronavirus

Gli esempi che si potrebbero fare sono tanti e come in Campania vanno diffondendosi a macchia d’olio in tutta la Penisola. E la musica irrompe nel quotidiano che si è fatto forzatamente domestico anche attraverso i social.È già virale il video di Francesco Cicchella che, con Gennaro Scarpato, Diego Laurenti e Tommaso Primo, “Artisti uniti ma non troppo”, ha parodiato la celeberrima ‘Luna Rossa’ di Vincenzo De Crescenzo musicata da Antonio Vian trasformandola, e non poteva essere altrimenti, in “‘A zona rossa mme blocca a me…'”.

Tra le iniziative per creare aggregazione virtuale attorno al bello, inoltre, il Comune di Napoli sulla pagina Facebook dell’assessorato alla Cultura ha promosso l’iniziativa #NonFermiamoLaCutura. Ieri in diretta streaming le performance artistiche e casalinghe di Valerio Jovine e Ciccio Merolla e le lezioni di mandolino di Luca Joe Petrosino.

E sui social corre anche l’appuntamento musicale promosso per questo pomeriggio alle 18, unendo l’Italia da Bolzano a Canicattì.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, apri le finestre e suona: oggi alle 18 il flash mob per trasformare l’Italia in un enorme concerto

L’invito per tutti è di spalancare finestre e balconi e suonare uno strumento, cantare o trasmettere musica. “Il nostro Paese – si legge nell’invito che sta rimbalzando anche nelle chat di WhatsApp – diventerà così per quei pochi minuti un gigantesco concerto gratutito!”. Il tutto con un obiettivo: stare insieme, sentirsi più vicini e vincere l’isolamento.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»