La Lega attacca Azzolina: “Ha copiato la tesi”. La replica: “Sciocchezze, Salvini non ha mai studiato”

Bufera sulla ministra per l'Istruzione Azzolina: la Lega l'ha attaccata per una tesi di tirocinio che risulterebbe contenere ampi stralci di manuali non citati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una tesi copiata dai manuali e non autentica. La polemica è esplosa ieri nei confronti della neoministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, su cui la Lega ha alzato un polverone accusandola di aver copiato la tesi di laurea. La tesi in questione è quella consegnata da Azzolina all’Ateneo di Pisa per l’abilitazione all’insegnamento nel 2010: all’interno del lavoro di 41 pagine, intitolato “Un caso di ritardo mentale lieve associato a disturbi depressivi”, ci sarebbero diversi passi che riproducono alla lettera testi specialistici, senza citarne le fonti. 

SALVINI: “SI VERGOGNI E VADA A CASA”

 “Fare peggio del ministro Fioramonti sembrava impossibile. E invece Azzolina ci stupisce: non solo si schiera contro i precari ma ora scopriamo che copia pure le tesi di laurea. Un ministro così non ha diritto di dare (e fare) lezioni. Roba da matti. Si vergogni e vada a casa”. Così il segretario della Lega Matteo Salvini.

AZZOLINA: NÉ TESI NÉ PLAGIO, SENTITO SOLO SCIOCCHEZZE

Azzolina ha risposto nel tardo pomeriggio da Auschwitz, dove si trovava durante il Viaggio della memoria con gli studenti. “Non fatevi prendere in giro, non è né una tesi di laurea né un plagio, né nulla- ha detto la ministra-. Ho sentito tantissime sciocchezze in queste ore, d’altra parte non mi stupisce che Salvini non sappia distinguere una tesi di laurea da una tesi di fine relazione di tirocinio Ssis (Scuola di specializzazione all’insegnamento secondario). Non ha mai studiato in vita sua e sarebbe strano se li distinguesse”.

“L’unica cosa che mi dispiace- ha concluso Azzolina- è dover parlare qui Cracovia per il viaggio della Memoria ad Auschwitz. D’altra parte l’anno scorso il ministro leghista Bussetti non si è presentato. E a maggior ragione era importante che io ci fossi oggi”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»