Covid, Merkel: “La terza ondata forse è la più dura”

merkel
Mentre Londra decide di riaprire gli esercizi, Berlino e Vienna sono ancora nel pieno della pandemia, e il sindaco della capitale austriaca proroga il lockdown fino al 2 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sul fronte della lotta al Covid l’Europa viaggia a due velocità. Almeno questo è quanto sta accadendo in Gran Bretagna, da una parte, e Germania e Austria dall’altra. Mentre Londra decide infatti di riaprire negozi, pub e ristoranti, Berlino e Vienna devono ancora fare i conti con la pandemia da coronavirus e per loro la luce in fondo al tunnel sembra ancora lontana.

“Dobbiamo dire che per noi questa terza ondata forse è la più dura” ha detto la cancelliera tedesca, Angela Merkel, intervenendo all’apertura della mostra digitale dell’industria alla Fiera di Hannover. “Il numero dei contagi è ancora troppo alto, le terapie si stanno di nuovo avvicinando alla saturazione. L’arma più importante che abbiamo è la vaccinazione. I tamponi ci aiutano a costruire un ponte finché la somministrazione delle dosi non avrà avuto il suo effetto”.

Misure decisamente più restrittive quelle scelte dall’Austria. Per tentare di arginare il Covid-19, a Vienna il lockdown andrà avanti fino al 2 maggio, oltre la scadenza prevista per domenica 18 aprile. L’insegnamento nelle scuole non sarà in presenza fino al 25 aprile. Ad annunciarlo Michael Ludwig, il sindaco della capitale austriaca.

LEGGI ANCHE: Covid, sono 9.789 i nuovi casi e 358 le vittime

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»