Striscione Lav sul Ponte di Rialto a Venezia: “Salviamo i macachi”

macachi ponte rialto venezia lav
La Lega anti vivisezione ha affisso la scritta in uno dei luoghi simbolo della città per chiedere la liberazione dei sei primati destinati a sperimentazioni cliniche. Anche Vladimir Luxuria si unisce alla battaglia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Salviamo i macachi“. Questo lo striscione affisso questa mattina all’alba sul Ponte di Rialto da Lav Venezia, per lanciare l’appello alla sottoscrizione della petizione conto l’avvio dello studio Light Up. “Siamo ancora qui per ricordare che la battaglia per i macachi destinati a sperimentazioni dolore al cranio e morte non è finita. Sono due anni che ci battiamo per la loro salvezza e, nonostante la sentenza del Consiglio di Stato, non ci arrendiamo. Continueremo a lottare per questi macachi e per tutti i 600.000 animali che muoiono ogni anno nel nostro Paese per una falsa scienza”, dichiara Tatiana Zanotti, responsabile della sede Lav di Venezia.

LUXURIA SI SCHIERA PER LA CAUSA: “SONO ESPERIMENTI CHE NON PORTANO A NULLA”

“Le scimmie sono i nostri antenati. Noi proveniamo dalle scimmie, ma in molti casi non si tratta di un’evoluzione, piuttosto di un’involuzione. Basta guardare le immagini di questi 6 macachi bellissimi, sofferenti, chiusi nelle gabbie, ai quali viene fatto un trattamento che è una tortura: elettrodi conficcati nel cranio per renderli ciechi. Esperimenti che non portano a nulla, ma solo una vendetta della natura come ci ha insegnato la pandemia”, afferma nel video-appello Vladimir Luxuria, realizzato con e per Animalisti italiani, ricordando il legame tra pandemie e sfruttamento animale.

LEGGI ANCHE: Liberati un falco e un gheppio nel Real Bosco di Capodimonte

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»