Liberati un falco e un gheppio nel Real Bosco di Capodimonte

falco e gheppio Bosco di Capodimonte
I due rapaci erano stati recuperati a novembre in condizioni di difficoltà e dalle analisi radiografiche era emersa la presenza di schegge metalliche, probabilmente di proiettili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Stanno bene e oggi sono tornati a volare in natura all’interno del Bosco di Capodimonte, previo inanellamento ad opera di personale qualificato Ispra, un falco e un gheppio recuperati in condizioni di difficoltà e curati dal Servizio Veterinario della Asl Napoli 1 Centro in sinergia con il C.R.I.U.V. (Centro di Riferimento Igiene Urbana Veterinaria) assieme ai medici Veterinari del Centro di Recupero Animali Selvatici (Cras) “Federico II”.

“Ringrazio il direttore del Museo e del Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger per aver ancora cooperato con la Asl Napoli 1 Centro al fine di dare un contributo al territorio della città di Napoli. Questa volta – ha sottolineato il direttore generale Ciro Verdoliva – la sinergia tra le nostre organizzazioni ha permesso di poter restituire al loro habitat naturale i due splendidi rapaci che hanno ritrovato la loro libertà”.

falco e gheppio Bosco di Capodimonte

I due rapaci, recuperati entrambi in condizioni di difficoltà nel mese di novembre 2020, venivano trasportati presso il Pov Asl Napoli 1 Centro dove ha sede il Centro Recupero Animali Selvatici “Federico II” di Napoli e dove è stato dato in consegna ai Medici Veterinari specializzati nel recupero e riabilitazione della fauna selvatica. Dalle analisi radiografiche è emersa, per entrambi i volatili, la presenza di schegge metalliche compatibili con proiettili da arma da fuoco. Il Falco mostrava una frattura esposta del metacarpo destro mentre, il gheppio una frattura esposta dell’omero sinistro.

“Sono felice di questa nuova collaborazione con l’Asl Napoli 1 Centro, dopo l’accordo che ci vede uniti nella battaglia comune contro il coronavirus e che trasformerà la nostra Fagianeria in un centro vaccinale. Il Bosco è stato sempre abitato dagli uccelli, come dimostra proprio la Fagianeria, detta Casa dei Fagiani forestieri perché destinata alla schiusa e al ricovero dei fagiani cinesi, americani e dei pavoni. Sono sicuro – ha affermato Bellenger – che il falco e il gheppio che abbiamo liberato ritroveranno qui nel Bosco il loro ecosistema naturale. Il loro volo è stato davvero emozionante e un bellissimo segnale per tutti noi”.

Sono oltre un centinaio le specie di uccelli presenti nel Real Bosco di Capodimonte tra nidificanti, migratori e svernanti. Il simbolo di Capodimonte è rappresentato dagli uccelli cavitari come il picchio: il rosso maggiore, il verde e il torcicollo, l’unico migratore della famiglia. Tra gli uccelli che abitano le cavità degli alberi anche le cinciarelle e le cinciallegre. Sono presenti anche ballerine bianche, ballerine gialle, tortore dal collare orientale, gazze, cornacchie e merli. Nel sottobosco si trovano pettirossi, scriccioli, luì piccoli e passere scopaiole o uccelli molto mimetici, come il rampichino. Tra i rami si incontrano il fringuello, il verzellino, il colombaccio, la ghiandaia, il verdone, il cardellino.

Non mancano ovviamente i predatori: lo sparviere, il gheppio e l’allocco, il re della notte del bosco. Nidificano nei paraggi anche la poiana e il falco pellegrino capace di superare i 300 km orari in picchiata. Durante le migrazioni si osservano anche il falco di palude, l’albanella, il falco cuculo, il falco pecchiaiolo. Tra le altre specie presenti nel bosco si possono citare la balia nera e quella dal collare, i gruccioni e rigogoli, il passero solitario e, d’inverno, il codirosso spazzacamino. Tra i migratori: la rondine, il balestruccio e il rondone comune.

LEGGI ANCHE: Avvistato a Pescara per la prima volta l’ibis sacro

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»