Obiettivo piena occupazione: lo Stato è pronto a entrare nell’ex Ilva

Le parole di Alessandro Danovi, uno dei commissari straordinari dell’ex Ilva, in audizione alla Camera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’accordo al quale si sta lavorando con Arcelor Mittal prevede “l’anticipo dell’acquisto degli asset Ilva” e “il mantenimento del prezzo stabilito”. A fronte, “ci sarebbe una disponibilità dello Stato ad entrare nella compagine di Arcelor Mittal Italia, che potrebbe essere estesa anche a soggetti privati, per un ingresso a fronte della disponibilità di Ami a predisporre un nuovo piano industriale e a implementare tecnologie green a Taranto con il mantentimento sostanziale dell’occupazione“. Alessandro Danovi, uno dei commissari straordinari dell’ex Ilva, lo dice in audizione alle commissioni riunite Ambiente e Attività produttive della Camera, convocata per approfondimenti sulla crisi industriale e le connesse problematiche ambientali del sito siderurgico di Taranto.

LEGGI ANCHE: Conte: “Parlato con Von der Leyen, usare i fondi Ue per l’ex Ilva di Taranto”

Danovi spiega che “gli aspetti oggetto di gara che hanno portato all’individuazione Arcelor Mittal debbano essere mantenuti per comprensibili motivi” e “l’obiettivo restano una produzione di 8 milioni di tonnellate e la piena occupazione“.

In altre parole, l’impianto di Taranto “dovrà produrre valore e dovrà essere sostenibile– aggiunge Danovi- sia dal punto di vista economico che da quello ambientale”.

Il piano redatto dalla gestione commissariale dell’Ilva prevede “una prima fase con 6 milioni di tonnellate” di produzione che sale a “8 milioni una volta realizzati i forni elettrici”, precisa Alessandro Danovi.

Lo Stato, aggiunge, è “disponibile ad entrare nel capitale” e ad “accogliere alcune istanze di Arcelor Mittal Italia” a patto, però, che AMI accetti “la transizione verso la decarbonizzazione nel quadro del Green new deal del’Unione europea”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»