Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Annalisa Minetti: “Nello sport ho trovato il mio equilibrio, ho fatto del dolore un mentore”

ANNALISA MINETTI
Intervista all'atleta e responsabile nazionale pluridisabilità di Acsi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Corpo in avanti, piedi sulla linea, giu’ la benda “come fosse l’elmetto di un soldato”. Superati i primi 400 metri, “sento solo la voce di Stefano, il mio allenatore. Da lì, mi vedo correre da fuori”. Il mezzofondo ce l’ha tutto nella testa Annalisa Minetti che, in un’intervista all’Agenzia Dire, descrive ogni metro percorso su terra rossa al fianco di Stefano Cialella, la sua ‘guida’. “Mi chiama per cognome: ‘Miné è a 50 metri’, e io immagino quello che mi dice. Perché quando non vedi l’atleta che ti corre a fianco, non hai la matematica certezza della distanza che c’e’ tra te e lei. Poi gli ultimi 300 metri rientro nel mio corpo, come se qualcuno mi svegliasse. Tiro fuori tutta la mia energia e, quando sento la stanchezza, penso ai miei figli e corro verso il traguardo”. Medaglia di bronzo nei 1500 metri alle Paralimpiadi di Londra 2012 – dove ha stabilito il record mondiale nella categoria ‘non vedenti’ – l’indomita sfida che Annalisa lancia continuamente a se stessa e agli altri e’ quella di fare del dolore “un mentore”, perché solo così non saremo “normodotati, inabili o disabili, ma solo specialmente abili”. E dai palchi di Miss Italia e Sanremo alle piste di mezzo mondo, fino alla piu’ intima esperienza della maternità, la sua è una sfida sempre vinta, a partire dall’ostacolo maggiore incontrato lungo il percorso e abbattuto col piglio di chi non cede alle etichette: “Le barriere mentali, quello che la gente crede tu possa fare o non fare. Io barriere non ne vedevo, me le raccontavano- dice- Ma non mi sono mai preoccupata delle cose, me ne sono occupata, agendo. E posso dire che l’inabilita’ non esiste, perche’ posso fare tutto: quello che cambia e’ il metodo”.

DALLA DANZA ALL’ATLETICA LEGGERA, UNA VITA SEGNATA DALLO SPORT


Cosi’ Annalisa, danzatrice classica da bambina poi adolescente appassionata di palestra, a 18 anni, di fronte alla diagnosi di retinite pigmentosa che le ha tolto la vista, segue il consiglio del suo maestro di spinning. “Mi ha insegnato a insegnare– racconta- ‘Se non puoi seguire una lezione la puoi dare’, mi diceva. E da li’ lo sport e’ diventato una realta’”. Inizialmente con l’aikido, “un’arte marziale che sembra quasi una danza e si fa con gli occhi bendati. Combatti senza vedere, era perfetta per me”, ricorda. Ed e’ oggi “la filosofia di vita” di Annalisa, basata sul principio che “gli occhi non vedono, ma il corpo si'”. A cascata, con l’atletica leggera praticata a livello agonistico, sono arrivate “la sicurezza e la convinzione delle mie abilita’ motorie- racconta- una reattivita’ e un’eccezionale capacita’ di capire quando cadono le cose. Mi rendo conto che a volte sembro quasi bionica”, confessa l’atleta, che proprio nello sport ha trovato “l’equilibrio, la bilancia, un osteopata che mi rimette sempre a posto”. E ha creato un metodo, “‘Reborn now‘, ‘Rinasci ora’, in cui i limiti e le paure sono i nostri piu’ grandi vantaggi, strumenti per superare gli ostacoli e raggiungere gli obiettivi”. In un agone, quello sportivo, che e’ per sua natura “paritario. Forse e’ l’ambito piu’ meritocratico- sostiene la campionessa, che si allena ogni giorno per le prossime olimpiadi- Il traguardo e’ uno e chi arriva per primo vince, non c’e’ distinzione tra uomini e donne”. Se “l’uomo e’ fisiologicamente piu’ forte”, infatti, “la donna ha una maggiore resistenza emotiva, quindi e’ piu’ in grado di gestire la fatica nel corso della gara”.

MINETTI: “LO SPORT SIA UN DIRITTO DI TUTTI”

Non e’ quello di genere, quindi, il vero gap nel mondo dello sport italiano, secondo la campionessa – che dopo la laurea in Comunicazione e’ in corsa per prendere la seconda in Scienze Motorie – ma quello tra chi e’ formato e chi non lo e’. “Ci sono persone che si improvvisano con corsi di formazione che durano poche settimane o weekend e poi fanno fare sport ai bambini. Ma l’attivita’ motoria va adattata alle loro evoluzioni fisiologiche e, se non hai la preparazione per accompagnarle, puoi demotivarli a livello psicologico e motivazionale o, addirittura, creare dei danni fisici”. Da qui, l’importanza di “lavorare non solo sulla propria passione, ma anche sulla propria competenza– dice- per poi orientare i bambini a capire qual e’ la loro disciplina rendendo la psicomotricita’ obbligatoria nelle scuole” e facendo dello sport “un mezzo pedagogico. Il mio obiettivo piu’ grande come responsabile nazionale Pluridisabilita’ di Acsi- confessa Minetti– e’ fare in modo che lo sport sia un diritto di tutti. Un gioco e un mezzo ludico-pedagogico che possa divertire i bambini, lontano dall’ossessione per la competizione”. E che insegni loro a vedere in un limite un’opportunita’. “Questo sara’ il piu’ bel Natale, perche’ avremo talmente poco che riusciremo a dare valore alle cose che realmente contano- osserva- Con i miei bambini, Fabio e Elena, stiamo costruendo regali e centrotavola, organizziamo i giochi e le tombolate che faremo online con il resto della famiglia e i menu’, che saranno tutti uguali a distanza- racconta sul prossimo 25 dicembre in pandemia Covid-19- Noi queste cose non le facevamo mai, ma ci stiamo divertendo un sacco”. E chiude: “Bisogna lasciarsi stimolare dal disagio, perche’ quando arriva una cosa molto brutta o la subisci o la attacchi. Bisogna insegnare alle persone che quando arriva il grande dolore occorre farne un mentore”.

Per indagare come la comunita’ vede le sportive, giovani e adulte, e le barriere che incontrano nel praticarlo, per poi promuovere politiche di indirizzo del movimento sportivo amatoriale finalizzate ad abbatterle, nasce ‘Jump the gap. Oltrepassare le barriere dello sport di base per le donne’, il nuovo progetto di ricerca, divulgazione e promozione della responsabilita’ condivisa, finanziato da Sport e Salute per il 2020-21 e presentato da Acsi-Associazione di Cultura Sport e Tempo Libero, Aics-Associazione Italiana Cultura Sport, Csen-Centro Sportivo Educativo Nazionale, Centro Nazionale Sportivo Libertas e Universita’ degli Studi di Padova.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»