Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sciopero dei sindacati di base: a Genova 3mila in piazza, ma il corteo è diviso

corteo genova 11 ottobre 2021 2
Una parte dei manifestanti, guidata da lavoratori portuali, Si.Cobas e Usb, ha seguito il percorso annunciato lungo la sopraelevata, mentre gli altri, al grido di "no Green pass", sono rimasti sulla viabilità ordinaria in via Milano, assieme a Cobas e Cub
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Lo sciopero generale dei sindacati di base ha richiamato in piazza tremila genovesi, che stamattina si sono radunati davanti al terminal Traghetti. Al momento di partire, però, il corteo si divide. Una parte, guidata da lavoratori portuali, Si.Cobas e Usb segue il percorso annunciato lungo la sopraelevata, mentre gli altri, al grido di “no Green pass”, restano sulla viabilità ordinaria in via Milano, assieme a Cobas e Cub. Con loro anche il senatore ex pentastellato e ora dell’Alternativa c’è, Mattia Crucioli, e i rappresentanti locali di Italexit.

Prima della partenza e della divisione del corteo, qualche attimo di tensione quando le bandiere di Italexit provano a guadagnare la testa e vengono allontanate al grido di “fuori i fascisti dal corteo”. Le due manifestazioni dovrebbero raggiungere la sede di Confindustria, in via San Vincenzo, ma la divisione in due tronconi ha spiazzato tutti.

Il doppio corteo ha di fatto completamente bloccato la viabilità ordinaria cittadina, soprattutto per chi da ponente è diretto in centro e a levante. Anche molti manifestanti sono rimasti spiazzati dalla divisione, con alcuni gruppi, sindacali e non, che si sono trovati separati senza capire perché. A incrociare le braccia tanti portuali, vigili del fuoco e molti lavoratori stranieri. All’immediata vigilia della manifestazione, i sindacati ci tenevano a precisare che non si sarebbe trattato di una protesta contro il Green pass, quanto piuttosto contro la politica economica, sociale e del mondo del lavoro portata avanti dal governo Draghi. Ma fin dai primi minuti di oggi, si è capito che non sarebbe stato solo così.

Al concentramento, infatti, si è unita anche “Libera piazza Genova”, il movimento che organizza tutte le settimane presidi e cortei contro il certificato verde e l’obbligo vaccinale anti Covid. In mezzo alla folla anche i consiglieri comunali di M5S, Fabio Ceraudo (neo sindacalista Usb, dopo l’addio alla Uilm) e Stefano Giordano (vigile del fuoco). In piazza pure gli studenti, chiamati a manifestare dal collettivo “Vedo Terra”. Per loro, le motivazioni della protesta sono molteplici e sintetizzano al meglio la “doppia piazza” di stamattina: contro il premier Draghi e il Pnrr “che lascia a scuola e università solo il 12% dei fondi”; contro il ministro Cingolani che “anziché preoccuparsi di una vera transizione ecologica, si occupa di distribuire soldi alla ricerca sulle armi”; contro il Green pass in università e per tamponi gratuiti per tutti, “senza ulteriori ricatti”. Dopo lo sgombero del Tdn di venerdì scorso, al corteo si sono uniti pure antagonisti, giovani dei centri sociali e Genova antifascista.

I CORTEI SI INCROCIANO MA PROSEGUONO SEPARATI

Si sono incrociati, ma hanno proseguito indipendenti per le proprie strade i due cortei formati stamattina a Genova per lo sciopero generale dei sindacati di base. Il gruppo che era salito in sopraelevata è sceso dalla rampa di piazza Cavour e sta risalendo via San Lorenzo per poi dirigersi sotto la sede di Confindustria. L’altro ramo del corteo, dopo aver percorso via Gramsci, ha proseguito nel tunnel di Caricamento per poi dirigersi verso corso Aurelio Saffi e, teoricamente, risalire anch’esso verso il grattacielo degli industriali.

Un gruppo di lavoratori portuali, passando davanti alla sede dell’authority, ha lasciato una scritta sulle colonne all’ingresso di Palazzo San Giorgio: “Servi. No Bahri”, in riferimento alle cosiddette “navi delle armi”.

FUMOGENI E PETARDI SOTTO LA SEDE DI CONFINDUSTRIA

Tra fumogeni e petardi, il corteo principale dello sciopero generale dei sindacati di base a Genova è arrivato sotto la sede locale di Confindustria. Il secondo ramo della manifestazione sta percorrendo viale Brigate Partigiane: i Cub dovrebbero unirsi alla manifestazione principale, mentre i no green pass dovrebbero proseguire in direzione della Prefettura.

corteo genova 11 ottobre 2021

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»