Ex Ilva, associazioni cittadine a Speranza: “Grande assente, rompa il silenzio e intervenga”

MINISTERO DELLA SALUTE. INCONTRO PER EMERGENZA CORONAVIRUS
"Non vorremmo che anche lei si aggiungesse alla lunga lista di coloro che potevano fare e non hanno fatto nulla per salvare la salute dei bambini, delle donne e degli uomini che vivono a Taranto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI –  Lo definiscono “il grande assente della vertenza Ilva”. Ora però dovrebbe interrompere “il suo assordante silenzio sul siderurgico tarantino e sulle conseguenze di malattia e morte che tali impianti continuano a produrre“. Sono le associazioni tarantine da sempre contrarie alla produzione di acciaio in città che hanno deciso di rivolgersi al ministro della Salute, Roberto Speranza, a cui hanno inviato una lettera. “Il ministro Speranza è, in virtù dell’emergenza derivante dalla pandemia Covid, oggettivamente molto presente negli ultimi mesi nel dibattito pubblico e lo fa sempre difendendo, in maniera egregia e rigorosa, la salute pubblica e il principio per il quale nessun interesse economico può derogare la necessità di salvaguardare la salute dei cittadini. Non capiamo, però, il motivo per cui non rivendichi tale sacrosanto principio anche per Taranto e la sua comunità”, si legge nella lettera firmata da una ventina di associazioni rimarcando che è come se “la questione ex Ilva e la salute dei tarantini non lo riguardassero, come se per Taranto le priorità fossero invertite, come se a Taranto si possa tollerare una sospensione dei diritti costituzionali”. “È opportuno che Speranza vada a bussare alla porta del ministro Cingolani e gli dica “sì, caro collega, la situazione a Taranto è assolutamente insostenibile”. Non vorremmo che anche lei si aggiungesse alla lunga lista di coloro che potevano fare e non hanno fatto nulla per salvare la salute dei bambini, delle donne e degli uomini che vivono a Taranto”, è la conclusione della lettera.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»