A Vietri di Potenza nasce la Porta della Lucania, mostra permanente sui prodotti tipici

Nella mattinata di oggi si è tenuta la consegna dei lavori per un investimento di oltre 450mila euro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – “Oggi Vietri di Potenza esce da un incantesimo e inizia a guardare al futuro. Si tratta di un’opera importante per l’intera area nord della Basilicata, strategica e in un punto nevralgico per lo sviluppo dell’area”. Cosi’ il sindaco Christian Giordano in occasione della posa della prima pietra della Porta della Lucania, la struttura che sorgera’ in localita’ San Vito, a due passi dallo svincolo del raccordo autostradale Sicignano-Potenza, per ospitare una mostra permanente sui prodotti tipici del territorio.

Nella mattinata si e’ tenuta la consegna dei lavori per un investimento di oltre 450mila euro. “Primo step del nostro macro-attrattore – ha aggiunto il sindaco – l’infrastruttura comprensoriale rappresentera’ il centro nevralgico per la promozione e per lo sviluppo della nostra area. Il futuro di Vietri passa anche da questa area. In questo periodo di emergenza e di crisi economica tale programma di sviluppo assume un rilievo ancora maggiore. Uno dei volani per la nostra ripresa, a seguito dell’emergenza, sara’ certamente l’edilizia con l’avvio di molteplici opere pubbliche“. La Porta della Lucania rientra nel progetto comprensoriale ‘Mostra permanente di prodotti tipici, servizi caratteristici e tecnologici e divulgazione di beni, culturali ed ambientali dell’area Basilicata Nord-Occidentale’. Il finanziamento dell’opera e’ avvenuto a seguito della rimodulazione dei fondi del Patto territoriale Basilicata Nord Occidentale (soggetto responsabile e’ Sviluppo Basilicata Nord-Occidentale Srl).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»