Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ex Ilva, nei quartieri di Taranto più esposti all’inquinamento 181 decessi in più nel 2019

È quanto rende noto l’associazione ambientalista Peacelink alla vigilia della manifestazione nazionale che si terrà a Roma per chiedere la chiusura dell'area a caldo dell’ex Ilva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Nel 2019 a Taranto sono stati registrati 181 morti in più nei quartieri esposti all’inquinamento. È quanto rende noto l’associazione ambientalista Peacelink alla vigilia della manifestazione nazionale che si terrà a Roma per chiedere la chiusura dell’area a caldo dell’ex Ilva.
L’associazione rende noti i contenuti dell’ultima indagine epidemiologica elaborata con i dati dell’Anagrafe comunale e che evidenziano “eccessi di mortalità nei quartieri esposti all’inquinamento industriale”. “I dati più preoccupanti sono quelli che emergono effettuando un confronto fra la mortalità dei quartieri più vicini all’area industriale e i dati regionali”, spiega Alessandro Marescotti, responsabile di Peacelink. Dallo studio emerge che nel rione Paolo VI è morto il 68% in più di uomini rispetto al dato regionale, il 25% in più nel quartiere Borgo-Città Vecchia mentre nel “quartiere Tamburi – si legge nello studio – si registra un eccesso di mortalità di 14 uomini dato però non considerato statisticamente significativo se si assume un intervallo di confidenza del 90%”.
“Tuttavia – prosegue la ricerca – un significativo eccesso di mortalità (+41%) si era registrato nell’anno precedente (2018) nel quartiere Tamburi quando erano deceduti 27 uomini in più dell’atteso”.

LEGGI ANCHE: Ex Ilva, cittadini a Roma per “ricordare la gravità della situazione a Taranto”

Dall’analisi emerge che a Taranto c’è stato un eccesso di mortalità statisticamente significativo nel 2020 tra gli uomini del quartiere Tamburi e del quartiere Borgo-Città Vecchia (ossia del centro di Taranto). Per la precisione, nel 2020 sono morti 60 uomini in più in questi quartieri che sono più vicini agli impianti dell’area a caldo dell’ex Ilva. Dei 60 decessi in eccesso 18 sono avvenuti nel quartiere Tamburi e 42 sono avvenuti nel più popoloso quartiere Borgo-Città Vecchia. Lo studio rileva anche un eccesso di mortalità femminile nel 2019 registrata nei quartieri più vicini all’area industriale ovvero “più 41% nel Paolo VI, più 26% nel Tamburi e più 21% nel quartiere Borgo-Città Vecchia”.
Il sindaco di Tarano, Rinaldo Melucci, ha inviato i dati al governo esprimendo “la forte preoccupazione sulle disuguaglianze di mortalità rilevate nel territorio della città di Taranto, con particolare riferimento ai tre quartieri nord, che impongono massima allerta”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»