Dl Rilancio, Liberisti Italiani: “No provvedimenti a pioggia, serve anno bianco”

"Serve un provvedimento semplice e diretto, se davvero ci sono 55 miliardi si utilizzino per ridurre la pressione fiscale sulle attivita' produttive"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Leggendo le bozze circolanti del cosiddetto Decreto Rilancio, si fa molta fatica a decifrarlo, ancora una volta, il governo sbaglia strada.” Cosi’, in una nota, i Liberisti Italiani, il movimento guidato da Andrea Bernaudo, commentando le prime anticipazioni sul cosiddetto Decreto Rilancio.

“Quasi 500 pagine di bizantinismo burocratico allo stato puro- continua il comunicato- Non si capisce il motivo per cui non si prenda atto che quest’anno una buona parte del fatturato delle imprese, salvo pochissime eccezioni, se lo e’ portato via il covid-19. Conseguentemente, anziche’ continure con piccoli provvedimenti a pioggia, bonus e complicati ricalcoli, perche’ non si percorre la strada di un rinvio e riduzione delle pendenze fiscali?” prosegue la nota.

“Imprese e partite iva per ripartire chiedono una rottamazione quater per il passato, il dimezzamento delle pendenze fiscali ordinarie dell’anno in corso, perche’ il 2020 va considerato un anno bianco, e dal 2021 la grande riforma di semplificazione e riduzione della pressione fiscale su tutte le attivita’ produttive al di sotto della media OCSE. Il governo, invece- sottolineano i Liberisti italiani- sembra voler ‘concedere’ solo qualche briciola, con mille complicazioni e senza affrontare la realta’”.

“Il governo non sara’ mai credibile- conclude la nota- se con una mano e col contagocce continua a distribuire piccoli provvedimenti a pioggia e con l’altra impugna invece l’idrovora per incassare, tra 3 mesi, le tasse piu’ alte del mondo senza alcuna vera riduzione. Serve un provvedimento semplice e diretto, se davvero ci sono 55 miliardi si utilizzino per ridurre la pressione fiscale sulle attivita’ produttive. Se non si allenta la morsa fiscale su imprese e partite iva si mettono a rischio milioni di posti di lavoro.”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»