Coronavirus, Aimo: “Chiudere subito tutti gli ambulatori ospedalieri e territoriali”

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dobbiamo chiudere subito, adesso, ora, tutti gli ambulatori dei presidi ospedalieri e territoriali, pubblici e privati, per le prestazioni non urgenti. Confido nella sensibilita’ di chi ci governa e di chi deve tutelare la salute di tutti i cittadini”. Cosi’ l’Associazione italiana dei Medici Oculisti, per voce del suo presidente Luca Menabuoni, lancia un appello al ministero della Salute, a tutti gli assessori regionali della Sanita’ e a tutti i direttori generali delle Asl.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la richiesta di Aimo: “Ai medici sia fatto il tampone in caso di sintomi”

“La situazione in Italia e’ diventata estremamente complessa, per non dire pericolosa- prosegue Menabuoni- Stiamo attenti a non uscire, indossiamo guanti e mascherine e manteniamo le distanza di sicurezza, ma continuano a essere cosa di routine le visite ambulatoriali oculistiche (e non solo) non urgenti. E questo non accade solo nelle regioni con bassa incidenza di virulenza, ma anche in quelle del nord, dove la situazione e’ disperata. Una per tutte il Veneto, con la provincia di Padova”.

“Ora ci sembra davvero incredibile che si permetta la circolazione di possibile vettori di patologia per controlli di routine che potrebbero tranquillamente essere rimandati. Esponiamo la popolazione ad un rischio inimmaginabile magari per migliorare la vista da vicino non piu’ perfetta- conclude- L’urlo di tutti gli oculisti volete ascoltarlo o no?“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»