Il Governo stanzia 25 miliardi per l’economia

Gualtieri: "Primi 12 già nel decreto di venerdì". Catalfo annuncia Cig speciale per tutti i lavoratori
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Le risorse verranno utilizzate in parte nel primo decreto che stiamo preparando e contiamo di approvare probabilmente venerdì” e che varrà 12 miliardi. Le altre saranno tenute come “riserva per possibili futuri interventi da utilizzare in un quadro europeo”. Lo annuncia il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Tecnicamente è “una autorizzazione del parlamento a stanziare fino a 20 miliardi di indebitamento, il livello del deficit dipenderà da quanto effettivamente sarà impiegato”, specifica Gualtieri. “La prima misura grosso modo conterrà circa la metà di queste risorse”, ma è “prematuro dare un livello di deficit, un conto è autorizzare una certa cifra, un altro è quanto poi verrà concretamente utilizzato”, spiega. Inoltre, ci sono le “risorse europee che potranno sostenere parte di questo sforzo”.

CATALFO: “CIG SPECIALE PER TUTTI I LAVORATORI”

“Stiamo preparando norme a tutela delle imprese, dei lavoratori e delle famiglie”. Si prevede “un allargamento degli ammortizzatori sociali, con la la possibilità di utilizzo del fondo di integrazione salariale per le imprese da 5 a 15 dipendenti e una cassa integrazione speciale che vada a tutelare tutti i lavoratori su tutto il territorio nazionale al di là delle categorie a cui appartengono”. Lo ha detto la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

GUALTIERI: “STOP RATE MUTUI PRIMA CASA PER 18 MESI”

“Prevediamo la sospensione delle rate dei mutui sulla prima casa per 18 mesi in caso di sospensione o riduzione del lavoro”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»