VIDEO | Rifiuti, sciopero di 48 ore dei lavoratori Avr a Reggio Calabria

"Manifestiamo per rivendicare un minimo di stabilità" ha dichiarato il segretario della Cgil Fp di Reggio Calabria Francesco Callea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


REGGIO CALABRIA – “Ieri in tarda serata abbiamo appreso che Avr e’ riuscita a sbloccare il Durc che non gli consentiva di incassare le fatture che il Comune era gia’ pronto a pagare. La societa’ ha versato uno stipendio, quello di aprile, si e’ detta disponibile a versarne un’altra meta’ nella prossima settimana”. Cosi’ alla Dire il segretario della Cgil Fp di Reggio Calabria Francesco Callea oggi alla prima giornata di sciopero di 48 ore dei lavoratori di Avr che si occupano della raccolta di rifiuti per il Comune di Reggio Calabria.
“Stiamo scioperando – ha aggiunto Callea – non perche’ non apprezziamo lo sforzo messo in campo dal Comune e dai commissari che hanno dimostrato un ‘cambio di passo’. Pero’ la verita’ e’ che uscendo dal Tavolo in prefettura avevamo ottenuto rassicurazioni sul pagamento subito di due mensilita’”. “Ci hanno spiegato di avere avuto difficolta’ per via di altri pagamenti da fare. La verita’ – ha concluso il sindacalista della Cgil – e’ che noi dal 15 luglio al 30 agosto avremo un periodo di franchigia che non ci consentira’ di fare scioperi o manifestazioni. Noi oggi siamo qui a rivendicare un minimo di stabilita’ per i lavoratori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»