Tap, nuove violenze al cantiere in Puglia: copertoni bruciati e muretti distrutti

L'ufficio stampa Tap (Trans Adriatic Pipeline) diffonde una nota e un video che documenta i vandalismi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel corso della notte e nelle prime ore del giorno ci sono stati nuovi disordini e violenze nell’area intorno al cantiere Tap a Melendugno, in provincia di Lecce, dove è in corso la realizzazione del microtunnel.

Sono stati bruciati copertoni e distrutti i pregiati muretti a secco dell’area per bloccare le strade di accesso al sito di lavoro”. A diffondere la notizia è l’ufficio stampa del Trans Adriatic Pipeline, che diffonde anche un video dei vandalismi.

“Non appena ristabilite le condizioni di sicurezza- prosegue la nota- il personale ha potuto raggiungere il proprio posto di lavoro dove le attività sono regolarmente riprese. Chi esprime in questo modo il proprio dissenso non ottiene alcun risultato, se non quello di ferire il proprio ambiente, il proprio paesaggio, il proprio territorio, magari un minuto dopo aver detto di volerlo difendere”.

CALENDA: “COMPLIMENTI A DIFENSORI AMBIENTE NOTAP E A CHI LI SUPPORTA”

“Complimenti ai difensori dell’ambiente #NOTAP e a chi li supporta”. Lo scrive su twitter il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, commentando quanto accaduto stanotte nei pressi del cantiere microtunnel dove sono stati bruciati anche dei copertoni.

 

LEGGI ANCHE

Tap, all’alba blitz attivisti al cantiere. Lancio di sassi contro Polizia, un arresto

Tap, respinto emendamento del Governo per arrestare chi entra nei cantieri

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»