Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi chiude a Berlusconi: “Mai larghe intese con lui”

"Lo spettro, il rischio, della grande coalizione non ci sara'", assicura il segretario del Pd
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si puo’ dire che non ci saranno le larghe intese con Berlusconi? “Assolutamente si’. Anzi voglio dire ai cittadini che piu’ voteranno centrosinistra e partito Democratico piu’ lo spettro, il rischio, della grande coalizione non ci sara’”, dice Matteo Renzi a Radio Capital.

“Io non lo so come Berlusconi possa negare la realta’ dei fatti. Per anni Repubblica ha scritto che Berlusconi e’ un pericolo per la democrazia. Io non l’ho mai detto. Ma quando Berlusconi esce dal campo della vittima dei complotti antidemocratici ed entra nel campo dei risultati economici allora bisogna dire che il milione di posti che ha promesso non l’ha realizzato. L’abbiamo realizzato noi. Io non so se dico stupidaggini, ma la tassa sulla casa Berlusconi l’ha tolta e poi Forza Italia l’ha rimessa. L’abbiamo tolta noi nel 2015″, replica Matteo Renzi al leader di Forza Italia.

Renzi aggiunge: “A mio giudizio Berlusconi ha fallito la prova del governo. Chi andra’ a votare avra’ davanti il passato, lo stesso film con Salvini al posto di Bossi in canottiera, e Berlusconi al posto di Berlusconi“.

LEGGI ANCHE

L’affondo di Renzi: “Chi vota sinistra radicale aiuta Salvini”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»