Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Argentin inizia sciopero della fame: “Raggi sistemi le buche”

L'ex deputata ha iniziato oggi uno sciopero della fame “a nome della disabilità romana"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ex deputata Ileana Argentin ha iniziato oggi uno sciopero della fame “a nome della disabilità romana” per chiedere al Campidoglio di sistemare le strade e permettere a chi si muove in carrozzina di spostarsi autonomamente. L’esponente Dem e presidente dell’associazione Aida, sentita dall’agenzia Dire, ha precisato di aver voluto procedere nonostante il parere negativo del suo medico, essendo lei affetta da amiotrofia spinale. “Io mi gioco tutto, vediamo lei che combina”, ha detto riferendosi al sindaco di Roma Virginia Raggi, alla quale e’ rivolta la protesta.
“Sono pronta a tutto– ha spiegato- perché le barriere architettoniche anticipano le barriere culturali e se un sindaco non capisce che c’è un disagio nelle fasce più deboli dei cittadini, probabilmente non è in grado di fare il sindaco. Ormai nel XIV e XV Municipio- ha spiegato- è diventato quasi impossibile attraversare sulle strisce pedonali a causa delle buche. Almeno queste devono essere eliminate. Non mi pare di chiedere molto. Spero- ha concluso– che qualcuno della Giunta mi telefoni perché è impossibile andare avanti così”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»