Governo, Maggino (Benessere Italia): “Da task force Colao spunti di riflessione”

Così Filomena Maggino, consigliere della Presidenza del Consiglio e presidente della cabina di regia 'Benessere Italia'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Quelli contenuti nel rapporto approntato dalla task force guidata da Vittorio Colao “sono temi sui quali stiamo riflettendo. Il valore del rapporto che e’ stato consegnato ieri nelle mani del presidente del Consiglio e’ quello di puntualizzare alcuni aspetti e proporre anche una riflessione all’interno del governo”. Cosi’ Filomena Maggino, consigliere della Presidenza del Consiglio, presidente della cabina di regia ‘Benessere Italia’ istituita a palazzo Chigi e membro della task force presieduta da Vittorio Colao, in collegamento con Mattino Cinque su Canale 5.

Il rapporto contiene obiettivi che “avevamo un po’ tutti in mente nella nostra societa’- spiega Maggino– digitalizzazione e innovazione, rivoluzione verde, parita’ di genere, inclusione. Le schede, le oltre cento proposte che sono state fatte sono classificate a seconda dei tempi di attuazione che si suggeriscono, quindi alcune cose devono essere messe a terra immediatamente, altre che richiedono piu’ tempo”.

Questo, insomma, “e’ il consiglio della task force. Il rapporto e’ stato consegnato nelle mani del presidente del Consiglio che condividera’ nelle modalita’ e nei modi che riterra’ piu opportuni queste proposte con i suoi ministri- segnala Maggino– La cabina di regia e’ a disposizione del presidente”.

Le task force sono “gruppi di lavoro” che “servono a dare degli spunti, delle riflessioni, nessuna di queste al governo e nessuna di queste compone decreti- precisa- Sono proposte che entrano in un dibattito”. Il lavoro della cabina di regia, invece, “e’ molto diverso da quello delle task force”, sottolinea Maggino.

“La cabina di regia e’ nata un anno fa e intende lavorare per gli anni a venire su un tema particolarmente caro al presidente ma che sto scoprendo particolarmente caro a tutti noi”, prosegue Filomena Maggino, consigliere della Presidenza del Consiglio, presidente della cabina di regia ‘Benessere Italia’, istituita a palazzo Chigi e membro della task force presieduta da Vittorio Colao.

Il tema e’ “quello di essere un supporto scientifico al presidente del Consiglio nell’ambito delle politiche di benessere, di valutazione della qualita’ della vita dei cittadini- spiega Maggino- ma anche il compito di monitorare e coordinare le attivita’ specifiche dei ministeri che vanno in questa direzione. In questo anno di lavoro abbiamo incontrato molti stakeholder, attori della societa’ italiana, importanti non solo nel mondo produttivo ma anche nella ricerca, nell’associazionismo, abbiamo incontrato dall’Enel alle Ferrovie dello Stato a tante associazioni e centri di ricerca, anche singoli esperti. Abbiamo perso il conto, ne abbiamo incontrati 360 e poi abbiamo smesso di contarli perche’ erano davvero tanti. Grazie a questi incontri siamo stati in grado di identificare quali erano quegli aspetti e quei settori della vita del nostro Paese che rispetto al benessere necessitavano in qualche modo di un’attenzione particolare da parte del governo ma non solo, anche e degli Enti locali, delle Regioni eccetera”.

Queste linee guida “sono state presentate al presidente del Consiglio il 20 gennaio scorso e sono cinque- ricorda Maggino- rigenerazione equa e sostenibile dei territori, mobilita’ e coesione territoriale, transizione energetica, qualita’ della vita e sviluppo umano, economia circolare”. A differenza della task force, “la Cabina di regia sta gia’ lavorando, ha gia’ dei progetti sul territorio, perche’ sta lavorando da un anno, perche’ lavorera’ ancora, perche’ e’ un organo del presidente del Consiglio- conclude Maggino- La task force e’ un momento di riflessione, un momento di proposta, e’ un’altra cosa”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»