Roma, tragedia all’Infernetto: investe e uccide 14enne sulle strisce, positivo al narcotest

Alla guida un ragazzo di 22 anni. Arrestato dopo essere risultato positivo all'esame tossicologico è stato posto agli arresti domiciliari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ha investito e ucciso un 14enne mentre era sotto l’effetto degli stupefacenti. Tragedia ieri sera, alle 22 circa, nella zona dell’Infernetto di Roma, dove un’auto, Peugeot 108, guidata da una ragazzo di 22 anni ha travolto il quattordicenne M.R. mentre attraversava sulle strisce pedonali in via Francesco Cilea 247. Inutili i soccorsi, il ragazzo e’ deceduto sul posto. La salma e’ stata trasportata all’ospedale di Tor Vergata.

Sul posto e’ intervenuta la Polizia di Roma Capitale del Gruppo Tintoretto, che ha sottoposto l’investitore agli esami di rito. Risultato positivo al test tossicologico, il magistrato di turno ne ha disposto l’arresto. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio stradale.

INVESTITORE AGLI ARRESTI DOMICILIARI

E’ stato posto agli arresti domiciliari il 22enne che ieri sera ha investito e ucciso il ragazzo di 14 anni in zona Infernetto, a Roma. Il giovane, arrestato dopo essere risultato positivo all’esame tossicologico, non ha precedenti. Oltre all’autopsia sul corpo della vittima, la Procura disporrà, secondo quanto si apprende, una perizia sull’auto guidata dal 22enne e specifici approfondimenti, ovvero esami tossicologici di secondo livello aggiuntivi a quelli che hanno già riscontrato la positività del ragazzo ai cannabinoidi.

RABBIA E SOLIDARIETÀ A FAMIGLIA SUI SOCIAL: E’ TERRIBILE

“Sono passata 15 minuti fa su via Cilea, dove e’ avvenuto l’incidente, e vedere il gruppo di amici di Mattia seduti sul bordo del marciapiede con le lacrime agli occhi e increduli, perche’ il loro amico non c’e’ piu’, mi ha spezzato il cuore. Un abbraccio forte a loro e ai genitori. Riposa in pace angioletto”. Quello di Debora e’ solo uno delle decine di commenti lasciati su Facebook per la morte di Mattia, il 14enne travolto e ucciso da un’auto ieri sera nella zona dell’Infernetto, a Roma.

All’indomani della tragedia rabbia e commozione esplodono sui social. “Non ho parole, ho figli anche io. Mi sento vicino al dolore di questa famiglia spezzata. Un dolore immenso”, scrive Nicolo’. Sabrina aggiunge: “Anche io appresa la notizia sono rimasta sconvolta. Poi sapere che il guidatore e’ risultato positivo alle tossicologiche mi fa arrabbiare ancora di piu’. Un abbraccio alla famiglia”.

C’e’ anche chi scrive: “Mi ha scioccato questa notizia e non ho dormito tutta la notte. Ho pianto per Mattia e per i suoi genitori ed e’ terribile provare questo dolore assurdo”. Tra i vari commenti che si susseguono, adesso in tanti invocano “la certezza della pena” per il ragazzo alla guida dell’auto che ha ucciso Mattia.

FIORI GIALLI PER MATTIA: QUARTIERE SOTTO SHOCK

Fiori gialli e le scritte “Ti vogliamo bene”, “Riposa in pace”, “Ciao M.”. Messaggi lasciati con uno spray nero campeggiano sull’asfalto di via Francesco Cilea, in zona Infernetto a Roma, dove ieri sera alle 22 circa, Mattia, 14 anni, è stato investito e ucciso da un’auto guidata da un 22enne risultato positivo ai test antidroga. Già da ieri sera, gli abitanti del quartiere avevano iniziato a recarsi sul luogo dell’investimento. “L’incidente di ieri sera ha toccato questo quartiere in maniera tragica- scrivono gli amministratori del gruppo social che raggruppa gli abitanti del quartiere- Riteniamo di interpretare il pensiero di tutti dicendoci sconvolti e sgomenti davanti al dolore delle famiglie e degli amici coinvolti a cui vanno le nostre condoglianze. Non sappiamo se la famiglia o amici sono in questo gruppo- si legge- ma questo non cambia, sono nostri vicini, sono nostri fratelli e siamo tutti al loro fianco”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»