NEWS:

Cos’è la ‘cumbia’ della noia cantata da Angelina Mango a Sanremo

"È la cumbia della noia", canta Angelina Mango sul palco di Sanremo: il termine indica una musica di origine colombiana in cui si intrecciano sonorità africane. La cantante, figlia d'arte, stasera porta a Sanremo un brano del suo papà, 'La rondine'

Pubblicato:09-02-2024 12:50
Ultimo aggiornamento:13-02-2024 08:35

FacebookLinkedIn

BOLOGNA – “È la cumbia della noia“, canta sul palco del Festival di Sanremo la giovane ma già molto famosa Angelina Mango. Ma che cos’è la cumbia? E cosa significa questa espressione? In tanti se lo sono chiesto, ascoltando la sua canzone, risuonata per la seconda volta all’Ariston ieri sera.

LEGGI ANCHE: Angelina Mango vince Sanremo con la ‘cumbia’ della noia. Secondo Geolier
LEGGI ANCHE: Sanremo, chi vince? Ecco il possibile podio (e i cantanti da tenere d’occhio)

ALL’ORIGINE C’È UNA DANZA TRIBALE DI GRUPPO

Allora, la cumbia è una musica popolare, ma anche una danza, che arriva dal Sudamerica e per la precisione dalla Colombia. All’inizio, non era un ballo di coppia ma una danza rituale di gruppo che si ballava in cerchio. Nacque in epoca coloniale, in particolare quando la Colombia venne conquistata della Spagna: questa danza – che allora era appunto una specie di rituale collettivo- veniva ballata dagli schiavi africani che lavoravano nelle piantagioni della Colombia coloniale: si ballava a piedi nudi sulla sabbia, in riva al mare, attorno ad un grande falò. E si chiamava ‘cumbiamba‘. Il nome, a quanto pare, deriva dalla parola africana ‘kumb’ che significa ‘rumore’ o ‘frastuono’.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2024, Angelina Mango canta ‘La noia’ e incanta l’Ariston
LEGGI ANCHE: Sanremo 2024, il testo di “La Noia” di Angelina Mango

IL BALLO DI COPPIA

Poi le cose sono cambiate: la danza, nel tempo, ha cambiato nome (diventando appunto ‘cumbia’), si è trasformata in un ballo di coppia ed è diventata famosa. Ha cominciato in fatti a prendere piede un po’ in tutto il Sudamerica, anche grazie all’avvento di radio e televisione. A Panama, la cumbia si è sviluppata in una versione più morbida e rilassata, dove l’origine tribale si avverte meno. Dopo essersi diffusa in America centrale e meridionale, poi anche nel resto del mondo. In Italia esiste anche un Istituto italiano di cumbia, sostenuto da tanti musicisti e appassionati di di origine colombiana e non.

Ma su che musica si balla la ‘cumbia’? I ritmi sono molto simili alle danze africane, mescolati alle sonorità dell’America latina. In Italia, prima di Angelina Mango, anche Adriano Celentano cantò una canzone che parlava di ‘cumbia’, intitolata ‘La cumbia di chi cambia‘ all’interno dell’album “Facciamo finta che sia vero” (album frutto di svariate collaborazioni musicali importanti), del 2011, ed è stata scritta da Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2024, la scaletta della quarta serata: i duetti e le cover

“LA NOIA”

Angelina Mango, consacrata alla fama dalla vittoria di Amici 23 nella sezione canto, ha portato ora la cumbia sul palco di Sanremo, inserita in un testo scritto insieme a Madame e Dardust. Il testo è tra i più apprezzati dalla critica e in molti scommettono che si giocherà un posto sul podio nella finale. La cantante, prima di approdare ad Amici, aveva già raggiunto una certa fama e aveva ad esempio cantato, sul palco del Primo maggio, insieme al fratello batterista.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2024, Angelina Mango canta ‘La rondine’ in omaggio al papà

CHI È ANGELINA MANGO

La giovane cantante, 23enne, è figlia d’arte da parte di entrambi i genitori: il papà Giuseppe (Pino) Mango è stato un famosissimo cantautore italiano degli anni ’80 e ’90 ed è scomparso alla fine del 2014. La mamma è Laura Valente, voce dei Matia Bazar dopo l’uscita di Antonella Ruggiero. Pino Mango morì in seguito a un malore sul palco di un concerto di beneficenza a Policoro: Angelina, allora, era un’adolescente. Questa sera Angelina, nella serata dedicata alle cover, porterà proprio un brano di suo padre, ‘La rondine‘.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn