Palermo, al via Peace Run, la settimana multiculturale per la pace

L'evento sportivo non competitivo che coinvolge ogni anno oltre 100 nazioni animerà il capoluogo siciliano fino al 16 novembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – È iniziata ufficialmente stamani, con la corsa per la pace più lunga al mondo, la ‘Peace Run’, una settimana multiculturale, inclusiva e inter-religiosa di iniziative di pace in ambito culturale, educativo, sportivo e sociale, che animerà Palermo fino al 16 novembre.

La ‘Peace Run’ è un evento sportivo non competitivo, che ogni anno coinvolge più di 100 nazioni e che giunge nel capoluogo siciliano insieme con la mostra ‘Paintings for World Peace and Harmony’, allestita a Palazzo Sant’elia, con l’esposizione di circa 250 opere originali di Sri Chinmoy.

Le manifestazioni sono promosse dall’organizzazione internazionale ‘Peace Run’, con la collaborazione del Comune e l’Università di Palermo ed in partenariato con l’Accademia di Belle Arti.

Il via della manifestazione è stato dato a piazza Pretoria, davanti a Palazzo delle Aquile, quando il sindaco, Leoluca Orlando, ha ricevuto simbolicamente la fiaccola della pace consegnatagli da un tedoforo americano.

“Palermo è stata scelta da questa grande organizzazione internazionale per il cammino nell’affermazione di una cultura di pace della nostra città – ha affermato Orlando -. Una cultura di pace che è costruita sul rispetto dei diritti umani secondo la visione alternativa ad egoismi individualistici e di gruppo, che è espressa nella locuzione ‘io sono persona, noi siamo comunità’. Siamo tutti diversi – ha concluso Orlando – perché siamo esseri viventi, ma siamo tutti uguali perché siamo esseri umani”.

Il sindaco di Palermo ha ringraziato Aye Aye Thant, figlia dell’ex segretario generale delle Nazioni Unite, Maha Thray Sithu U Thant, che ha rivolto un lungo messaggio di apprezzamento per l’attività che viene svolta dalla città di Palermo per l’affermazione della cultura della pace.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»