Riccione sperimenta le isole vegetative, per salvare pini marittimi e marciapiedi

riccione celle o isole vegetative pini marittimi
Le 'celle' permetteranno all'albero di crescere in salute e alle sue radici di non rovinare la sede stradale: un sistema "rivoluzionario che con gli anni permetterà anche risparmiare tempo per gli interventi di manutenzione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RICCIONE – Parte a Riccione, in provincia di Rimini, la sperimentazione delle “celle o isole vegetative” per tutelare i tipici pini marittimi della Perla Verde. Si inizia in viale Modena e il sistema, mai applicato nella cittadina balneare, potrà essere utilizzato in tutte le zone e viali. Così da “tutelare la salute dei nostri pini, alberi che l’amministrazione ha tutelato addirittura con un vincolo storico”, commenta l’assessore all’Ambiente, Lea Ermeti. Dopo viale Modena toccherà a viale Monte Bianco e viale San Martino. Le celle vegetative permetteranno all’albero di crescere in salute e alle sue radici di non rovinare marciapiedi e sede stradale. Un sistema che per Riccione sarà “rivoluzionario e con gli anni permetterà anche risparmiare tempo per gli interventi di manutenzione”.

La crescita delle radici comporta una destabilizzazione delle pavimentazioni e dei manufatti e le celle vegetative permettono uno sviluppo ottimale dell’apparato radicale senza processi di soffocamento, sfruttando l’aria. Più nel dettaglio, vengono inseriti a una profondità di 50 centimetri circa degli elementi a forma di cupola, realizzati in materiali totalmente riciclabili, che vengono posizionati tramite piccoli pilastri intorno all’area verde in maniera da non impattare con l’apporto di acqua e permettendo agli alberi di muoversi liberamente senza costrizione. Questa mattina in viale Modena, dove verranno piantumati due nuovi pini in sostituzione a due esemplari abbattuti perché pericolanti, è stata scavata un’area a circa 70-80 centimetri di profondità per posizionare i pilastri. L’area di lavoro è di 2,5 metri di larghezza e cinque di lunghezza. Tra i pilastri alti circa 50 centimetri viene quindi posizionata della terra per far crescere le radici e sopra verranno messe le cupole che creeranno il cuscinetto d’aria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»