A Pantelleria avvio demolizione di oltre 50 barconi usati per l’immigrazione clandestina

demolizione barconi pantelleria
L'operazione ha riguardato anche un peschereccio che era giunto nell'isola con oltre 200 persone a bordo, dopo un naufragio costato la vita a due donne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Sono iniziate, per ordine della magistratura, nei pressi del porto di Pantelleria le demolizioni delle imbarcazioni impiegate per l’immigrazione clandestina e poi sequestrate. Lo comunica una nota dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. Sono oltre cinquanta i natanti affidati all’Agenzia e avviati alla distruzione: provenivano dai paesi nordafricani ed erano approdate sulle coste pantesche. Il contratto commissionato da Adm per la demolizione dei natanti ha riguardato, tra gli altri, anche un peschereccio che era giunto a Pantelleria con oltre duecento migranti a bordo, dopo un naufragio costato la vita a due donne. Il peschereccio, naufragato davanti alle coste dell’Isola, occupava da tempo un’area che potrà presto essere restituita alla cittadinanza.
“Il personale di Adm di Pantelleria è presente sul posto per garantire la realizzate delle operazioni nei tempi e nei modi previsti”, spiega la nota.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»