Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cucchi, spunta la relazione del medico tenuta segreta dai Carabinieri

stefano cucchi
Duro attacco del pm Giovanni Musarò, in apertura dell'udienza di stamattina del processo bis in Corte d'Assise
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Comando provinciale e il gruppo di Roma dei Carabinieri erano a conoscenza di una relazione medica preliminare redatta prima dell’autopsia sul corpo di Stefano Cucchi, il 30 ottobre 2009, e tenuta segreta fino a oggi. A dirlo è il pm Giovanni Musarò, in apertura dell’udienza di stamattina del processo bis in Corte d’Assise.

Nel documento era spiegato, rivela il pm, che “la lesività delle ferite non consentiva di accertare con esattezza le cause del decesso”, mentre nelle relazioni dei Carabinieri “veniva esclusa la possibilità di un collegamento tra le fratture rilevate e il decesso”, avvenuto lo stesso giorno.

“Se il medico nel 2009 non poteva sapere il motivo della morte di Cucchi- le parole di Musarò- allora come è possibile che i Carabinieri già lo sapessero?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»