NEWS:

Neve e freddo in arrivo a bassa quota, le previsioni dell’Aeronautica

Da oggi neve su Alpi e Prealpi, mercoledì fiocchi bianchi anche nelle aree interne del Centro Italia

Pubblicato:08-02-2024 15:23
Ultimo aggiornamento:09-02-2024 08:32
Autore:

FacebookLinkedIn

ROMA – Da giovedì 8 febbraio cambia il tempo sull’Italia. Dopo il gennaio più caldo di sempre, nella seconda settimana di febbraio le temperature si abbassano e torna la neve, anche a bassa quota.

A quanto riporta l’Aeronautica Militare, le previsioni meteo indicano neve già da oggi su Alpi e Prealpi. Fiocchi bianchi a partire dai duemila metri e in progressivo abbassamento nei giorni a venire. Da mercoledì neve anche nelle aree interne del Centro Italia al di sopra dei 500 metri.

Ci aspettano giorni di pioggia da Nord a Sud, con cielo spesso velato e precipitazioni anche a carattere temporalesco. Da domani 9 febbraio “precipitazioni estese su tutte le regioni e che risulteranno più diffuse e persistenti su Liguria, appennino emiliano, Piemonte settentrionale e Lombardia centro-settentrionale, con quota neve sulle aree alpine mediamente non inferiore a 1500 metri”.

Sulla Toscana “piogge sparse, anche diffuse e persistenti sul settore nord; sulle restanti regioni cielo molto nuvoloso o coperto, con piogge locali o al più isolate su Umbria e Lazio e, dal pomeriggio, anche
su Sardegna e restante settore appenninico. Su Campania ed aree tirreniche peninsulari nubi anche intense con possibili deboli piogge fino alla tarda mattina sulla Campania “. Sul resto del Sud velature e nuvolosità, ma da sabato 10 febbraio si fa largo un marcato maltempo, con piogge diffuse, localmente abbondanti sulla Campania, tendente in serata ad assumere carattere temporalesco
sulle regioni tirreniche e sulla Sicilia.

La settimana procederà con piogge e temporali, fino all’ulteriore peggioramento previsto a partire da mercoledì con nuvolosità compatta in pianura padana e sulle regioni adriatiche, con nevicate sulle aree
interne al di sopra dei 500 metri
.

Temperature massime in diminuzione.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn