Fatture false, condannati i genitori di Renzi: un anno e 9 mesi (pena sospesa)

Il Tribunale di Firenze ha condannato Tiziano Renzi e Laura Bovoli a un anno e nove mesi di carcere, pena sospesa. sono accusati di fatture false
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un anno e nove mesi pena sospesa. È questa la condanna stabilita in primo grado dal giudice del Tribunale di Firenze Fabio Gugliotta al processo in cui erano imputati Tiziano Renzi e Laura Bovoli, i genitori di Matteo Renzi, per due fatture false insieme all’imprenditore Luigi Dagostino (condannato a due anni).

Tiziano Renzi si difende: “Massacro mediatico incredibile, mai fatte fatture false”

Il giudice ha accolto le richieste dell’accusa. Per i genitori di Renzi è arrivata anche l’interdizione per sei mesi da incarichi direttivi nelle imprese e per un anno dai pubblici uffici e dal trattare con la pubblica amministrazione. 

Le fatture che il pm (e ora anche il giudice) ha ritenuto essere false sono due  fatture emesse da Party ed Eventi 6, società riconducibili ai Renzi (per 20 e 140 mila euro), per uno studio di fattibilità relativo ad un outlet commissionato dall’azienda di Dagostino. Per l’accusa non corrispondono ad una prestazione realmente svolta. La difesa dei genitori di Renzi aveva chiesto l’assoluzione. 

LEGGI ANCHE:

Tiziano Renzi: “Trattati come i criminali più pericolosi d’Italia”

Arresti domiciliari per i genitori di Renzi, lui: “Decisione assurda, aspetto sentenze e non mollo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»