Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Catania, studenti bonificano area prossima a scavi archeologici

progetto Archeologico di Montervergine
L'iniziativa rientra nel progetto Archeologico di Montervergine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CATANIA – Gli studenti del corso di laurea in Beni culturali e Archeologia dell’Università di Catania hanno liberato da sterpaglie e rifiuti l’area esterna a Palazzo Ingrassia, nel centro storico del capoluogo etneo, in vista dell’avvio degli scavi archeologici previsti dal progetto Archeologico di Montervergine.

Le azioni di bonifica sono state eseguite nei giardini di Palazzo Ingrassia dell’Università di Catania, edificio storico costruito sui resti di un Ninfeo Romano, e supportate dal Comitato popolare Antico Corso, parte attiva del progetto, che ha messo a disposizione la strumentazione per ripulire l’area e dal Servizio Igiene urbana e ambientale del comune di Catania. L’iniziativa prevede, inoltre, attività di ricerca, didattica e divulgazione e, soprattutto, consentirà per la prima volta di toccare con mano l’archeologia in un’esperienza pubblica e partecipata, aperta a studenti e cittadini.

“Gli interventi di scavo stratigrafico– ha fatto sapere Simona Todaro, docente dell’ateneo catanese e responsabile del progetto- saranno avviati nelle prossime settimane e consentiranno di far scoprire l’archeologia da un punto di vista scientifico e didattico, in un processo continuo e costante di integrazione con i residenti del quartiere”. Simona Todaro è coadiuvata nel progetto da Gioconda Lamagna del Parco archeologico di Catania e da Michela Ursino della Sovrintendenza di Catania.

Sono, inoltre, previsti interventi di valorizzazione dell’area con specifiche azioni di archeologia partecipata dirette agli abitanti del quartiere e ai visitatori e turisti del capoluogo etneo. Il progetto sarà realizzarlo dall’ateneo catanese in collaborazione con la Sovrintendenza ai Beni Culturali e Ambientali e il Parco archeologico di Catania e con il supporto logistico del comune.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»