Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Renzi delirante, standing ovation fasulla”

L'ex deputata dem Ileana Argentin attacca l'ex segretario dopo la relazione all'Assemblea del Pd
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Allucinante l’intervento di Renzi questa mattina in assemblea e le standing ovation che i suoi uomini e donne gli tributavano ad ogni parola. Non per essere polemica ma vorrei evidenziare che chi batteva le mani aveva un posto o alla camera o al senato o comunque era piazzato in modo scaltro nei quadri dirigenziali a partire dai circoli in su”. Lo dichiara in una nota Ileana Argentin, del Pd.

Leggi anche: Assemblea Pd, la minoranza fischia Renzi e lui reagisce: “Ci rivedremo al congresso e riperderete”

“Sottolineo- continua Argenti- tre cose che ho trovato deliranti: primo, che denunciasse le proprie responsabilità ma ne desse colpa sempre ad altri . secondo, che ci ha portato come esempio da seguire Tony Blair . terzo, che tra i suoi dieci motivi che hanno causato l’attuale situazione del PD non abbia menzionato i suoi rapporti con Berlusconi e Forza Italia, il caso banche-Boschi , la catastrofe referendum e i suoi rapporti “disumani” con deputati e senatori della minoranza. Sono senza parole…”

Leggi anche: Assemblea Pd, Zingaretti contro Renzi: “Non sa ascoltare, ora strada nuova”

“Mi chiedo infine- aggiunge- perché abbia proposto di ripartire da Roma quando con i suoi , Matteo Orfini etc, ha fatto cacciare Ignazio Marino ed un’intera classe dirigente romana consegnando la città ai cinque stelle. Non capisco perché si sia auto flagellato in questo modo stamattina. Renzi fai il senatore e smettila di togliere la scena a Maurizio Martina, almeno per rispetto dell’uomo e della carica attuale, basta con la rottamazione, ha fatto il suo tempo , la storia ci insegna che ci sono corsi e ricorsi , non dare per scontato che noi della minoranza perderemo”.

Leggi anche: Ecco i 10 motivi che hanno causato la sconfitta del Pd secondo Matteo Renzi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»