Soldi, soldi, soldi, tanti soldi… quando arriveranno?

L'editoriale di Nico Perrone per Dire Oggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Governo sta facendo di tutto per reperire le risorse necessarie per farci riprendere dalla due botte che ci stanno mettendo in ginocchio: il coronavirus e il crollo dell’economia. Si parla di centinaia e centinaia di miliardi, fino a 750 in questo momento, pompati nel sistema finanziario per tenere a galla e far sopravvivere decine e decine di migliaia di piccole e medie imprese. In queste ore è in corso a Bruxelles la riunione dell’Eurogruppo con i tutti i ministri dell’Economia per trovare un accordo sul provvedimento comune da mettere in campo per fronteggiare il dopo epidemia. Ma le posizioni, tra paesi del Nord e Sud, restano assai distanti. Facile prevedere che stasera, al di là di qualche parola di circostanza, la partita venga aggiornata a chissà quando. E quindi slitterà pure il Consiglio europeo fissato per il 10 con tutti i premier.

La Germania e suoi alleati spingono per adottare il (famigerato) Mes, il cosiddetto fondo salva stati, anche se addolcito e non accompagnato dalle rigide misure previste – ad esempio la Troika – per restituire i soldi presi in prestito. Il nostro Governo ha già bocciato senza appello questa possibilità, e continua ad insistere per adottare gli eurobond finalizzati a progetti specifici. In questo caso i soldi presi verrebbero restituiti in 30 anni. Su questo punto il Governo italiano è determinato, anche a valutare di mettere il veto per bloccare in seguito le azioni degli altri stati. Sul fronte della lotta all’epidemia, invece, oggi a Roma si sono viste in circolazione molte e molte macchine. Segnale pericoloso, perché non è ancora il momento di passare alla ‘fase 2’. Lo ha detto a chiare lettere il commissario Domenico Arcuri: «La fine dell’emergenza è lontana, attenti a illusioni ottiche, pericolosi miraggi… non c’è nessuna ‘ora X’, un liberi tutti per ritornare alle vecchie abitudini».

Ma in tanti, e in tutti i settori, discutono del “quando” e del “come” ripartire. Una data che circola è quella del 4 maggio: superate, chiusi in casa, le feste di Pasqua, il 25 aprile e il 1 maggio, se a quel punto i dati registreranno l’indice “R” (indice di trasmissione del contagio) pari a zero, allora si passerà alla riapertura. Che non sarà subito per tutto e tutti, ma per gradi e per settori. Scordiamoci di ritrovarci in gruppo nei locali, di girare a volto scoperto senza mascherina; probabile che ci saranno degli esami del sangue da fare per arrivare ad una sorta di documento di immunità, magari tracciati e autorizzati a spostarci tramite app dedicate. Tutto per scongiurare il rischio, sempre possibile, di una seconda ondata di coronovirus senza avere ancora individuato il vaccino.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»