Escort in difficoltà per il lockdown chiedono i 600 euro all’Inps

Durante l'anno in media lavorano 120.000 escort online in Italia e tante hanno cambiato le loro abitudini passando allo 'smart working'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Le escort in difficolta’ economica per il lockdown hanno chiesto i 600 euro all’Inps. Da uno studio condotto da uno dei principali siti del settore, Escort Advisor, risulta che il 12% di loro ha fatto domanda, anche se ha dubbi sul fatto che – dovendo documentare il lavoro – alla fine possa realmente ricevere questo aiuto. E le altre? Il 28% ritiene che se la crisi durera’ pochi mesi se la cavera’, il 14% invece non esclude che debba chiedere i 600 euro a partire dal prossimo mese. Il 46%, pero’, ha detto che assolutamente non fara’ richiesta all’Inps perche’ non ne ha bisogno. 

Durante l’anno in media lavorano 120.000 escort online in Italia e tante infatti hanno cambiato le loro abitudini, passando allo ‘smart working’, proponendo videochiamate erotiche ai propri clienti con i quali non si possono incontrare.

Chiara si e’ detta fortunata: “Non mi manca niente, ho un’abitazione privata dotata di tutti i comfort, dei risparmi da parte e una solida altra attivita’, anche se in questa sto comunque accusando il colpo di introiti dimezzati”. Lei, poi, e’ una di quelle che fa le videochiamate: “Organizziamo brindisi a luci soffuse attraverso lo schermo e proseguiamo con conversazioni piacevoli, fino ad arrivare alle sfumature erotiche. Sono particolari anche le cene a distanza perche’ i miei clienti mi mostrano le loro abitazioni e i panorami dai loro balconi”. 

Rossana, invece, ha raccontato uno scenario completamente diverso: “Siamo abbandonate a noi stesse. Quello che sta accadendo e’ l’esempio di una fascia della popolazione lasciata indietro come e piu’ di altre. Noi paghiamo tasse, affitti, bollette e tutte le spese che ognuno ha, ma in questi momenti di crisi non abbiamo nulla dallo Stato. Io ho anche due bambini“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»