hamburger menu

Papa Francesco: “Sto meglio, ma fatico se parlo troppo”

Anche oggi, come durante l’udienza di mercoledì scorso, il Pontefice si è fatto aiutare nella lettura della catechesi

Pubblicato:06-12-2023 10:28
Ultimo aggiornamento:06-12-2023 18:01
Canale: Vaticano
Autore:
PAPA-FRANCESCO
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Anche oggi, come durante l’udienza di mercoledì scorso, il Papa si è fatto aiutare da mons. Filippo Ciampanelli, della Segreteria di Stato, per leggere il testo preparato per la catechesi di oggi in Aula Paolo VI, dove Francesco è entrato camminando, con l’aiuto del suo bastone. “Benvenuti tutti”, l’esordio di Papa Francesco a braccio: “Anche oggi ho chiesto aiuto a mons. Ciampanelli per leggere, perché ancora fatico. Sto molto meglio, ma fatico se parlo troppo. Per questo sarà lui a dire la cosa”.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: “Grazie a Dio non è polmonite, ho una bronchite molto acuta”

PAPA FRANCESCO: PREGHIAMO PER QUANTI SOFFRONO IL DRAMMA DELLA GUERRA

“E non dimentichiamo di pregare per quanti soffrono il dramma della guerra, in particolare le popolazioni dell’Ucraina, di Israele e di Palestina”. È la parte dei saluti finali dell’udienza, rivolti ai pellegrini di lingua italiana, letta da Papa Francesco, che per il resto della catechesi,compresi i saluti finali, ha ceduto la parola a mons. Ciampanelli. “La guerra sempre è una sconfitta”, ha proseguito Francesco: “Nessuno guadagna, tutti perdono, soltanto guadagnano i fabbricatori delle armi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-12-06T18:01:29+01:00