Da una telefonata sbagliata 40 anni fa nascevano i Litfiba

L'amatissima band ha pubblicato 13 album e superato abbandoni e scomparse premature
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un cachet da 150mila lire. Tanto furono pagati i Litfiba nella loro prima uscita, in una discoteca di Settignano, in provincia di Firenze, nel giorno che ha sancito ufficialmente la loro ‘nascita’. Era il 6 dicembre del 1980, la location era la discoteca new wave a Settignano, in provincia di Firenze. “Io riuscii a procurarmi l’impianto voci e il tecnico per la serata, con una spesa complessiva di 90mila lire”, il ricordo di Ghigo Renzulli, il chitarrista e fondatore della band, nell’autobiografia con cui racconta 40 anni di carriera, Litfiba compresi.

LEGGI ANHE: ’40 anni da Litfiba’: esce l’autobiografia di Ghigo Renzulli

“Quella sera, al nostro primo concerto, ci mettemmo in tasca la spaventosa somma di 12mila lire a testa, che al giorno d’oggi corrisponderebbe occhio e croce a 30-40 euro circa”. Una data storica per il rock toscano e per quello italiano in generale: aveva aperto la strada ad un gruppo che avrebbe segnato la storia della musica italiana, i Litfiba, che in 40 anni, guidati da Federico ‘Ghigo’ Renzulli e da Piero Pelù, hanno superato stravolgimenti di formazione, tragiche scomparse (Ringo De Palma, il batterista, morto a giugno del 1990), addii dolorosi (nel 1999 Piero Pelù lascia per iniziare la carriera solista) e reunion dal sapore romantico (nel 2009 Pelù rientra e insieme incidono due album e prendono parte ad un tour con l’altro ex illustre, Gianni Maroccolo). Comprese le ultime due uscite, i Litfiba hanno pubblicato in tutto 13 album in studio, il primo nel 1985, Desaparecido, spaziando, con la loro musica, dal rock alternativo alla new wave, dal post punk al rock, fino al pop. E pensare che tutto era nato per caso, anzi, per un errore. Ghigo Renzulli aveva appena lasciato i Cafe’ Caracas, la band punk rock in cui ha suonato anche Raffaele Riefoli, per tutti Raf. Pochi giorni dopo viene chiamato da un bassista, Gianni Maroccolo che gli chiede informazioni a proposito dell’annuncio di una ricerca di musicisti per una band. Si scoprirà dopo che il Federico non era Ghigo ma Fiumani, della band dei Diaframma. Da un incontro nato con le premesse sbagliate, un leggero velo di mistero ha avvolto la band a proposito del nome. Per molti anni si è detto che avesse un significato dal sapore quasi razzista: ‘L’ITalia FInisce a BAri’ o anche ‘L’ITalia, FIrenze e BAsta’. Invece no. Tutto nasce dal passato di Ghigo da operatore telex. La lettera ‘L’, infatti, era la sigla della chiamata del sistema Iricon usato dal telex, IT stava per Italia, FI per Firenze, e BA per via de’ Bardi, a Firenze, dove si trova la cantina di Renzulli dove i Litfiba sono nati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»