Ghigo dei Litfiba respinge le accuse della ex: “Sono prive di fondamento”

Secondo quanto riferito dalla donna, il musicista l'avrebbe picchiata in piu' di una occasione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ghigo Renzulli, chitarrista fondatore dei Litfiba, non ci sta e respinge le accuse lanciate dalla ex compagna apparse in queste ore sugli organi di stampa. Tra queste, secondo quanto riferito dalla donna, il musicista l’avrebbe picchiata in piu’ di una occasione. Attraverso una nota dei suoi avvocati, Renzulli all’agenzia Dire respinge tutte le accuse. “Il nostro assistito Federico Renzulli respinge fermamente quanto dichiarato dalla Sig.na Isabella Gallo- si legge nel comunicato- Trattasi di affermazioni assolutamente prive di qualsivoglia fondamento, gravemente lesive della reputazione dello stesso e dichiaratamente diffamatorie, tramite le quali si attribuiscono comportamenti mai tenuti. Federico Renzulli non e’ peraltro a conoscenza di alcun procedimento penale pendente a proprio carico per i fatti indicati nell’articolo sopra richiamato, i quali pertanto, appaiono essere stati riferiti alla stampa ma non denunciati nelle sedi istituzionali competenti (Procura della Repubblica). La Sig.na Gallo, viceversa, risulta essere stata rinviata a giudizio per il reato di maltrattamenti familiari (572 c.p.) nei confronti del Signor Renzulli e per il reato di Atti persecutori/Stalking (612 bis c.p.) nei confronti della attuale compagna dello stesso. Entrambi i procedimenti pendono in fase dibattimentale. Il Signor Renzulli si e’ sempre attenuto pedissequamente a quanto stabilito dal Tribunale civile in sede di separazione, anche in ordine agli aspetti economici. Lo stesso si riserva di tutelare la propria immagine in tutte le sedi opportune, nei confronti della Sig.na Isabella Gallo, della testata ‘Il Giornale.it’ e di tutti coloro che contribuiranno alla diffusione dell’articolo. Avv. Maurizio Frittelli Avv. Bruna Pinucci Scatigna”.

LEGGI

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»