Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Libia, Lahweej (ministro Haftar): “Caos Tripoli, vendono migranti”

Vogliamo un Paese libero dalle armi e dall’intromissione della religione nella vita pubblica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Perché non c’è caos nella zona della Libia controllata da noi, che equivale al 90% del territorio della Libia? Perché c’è un governo, una forza che protegge le persone. Alle milizie conviene invece il caos, vendono i migranti e ne guadagnano molti soldi. Noi abbiamo un altro progetto per la Libia: vogliamo un Paese libero dalle armi e dall’intromissione della religione nella vita pubblica, dove tutti saranno i benvenuti a queste condizioni”. Queste le parole del ministro degli Esteri del governo con sede a Tobruk, Abdulahdi Ibrahim Lahweej, nel corso di un incontro organizzato dall’Istituto Friedman a Roma. L’esecutivo di Tobruk è sostenuto dal generale Khalifa Haftar, impegnato da aprile in un’offensiva militare contro l’esecutivo di Tripoli, guidato da Fayez Al-Serraj e riconosciuto dall’Onu.

di Di Brando Ricci

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»