Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fanuli (Lega Lazio): “Sanare occupanti case che versano indennità”

eloisa_fanuli
L'intervista a Eloisa Fanuli, dirigente della Lega nel Lazio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le occupazioni creano un danno erariale molto alto perché spesso i palazzi occupati sono anche di enti. Io ho una formazione da legale e mi sono occupata molte volte di sfratti esecutivi. La mia proposta è questa. Spesso le persone che abitavano dentro un’occupazione da tanti anni avevano anche fatto delle migliorie e pagavano la cosiddetta indennità di occupazione. A queste persone, secondo me, se hanno versato questa indennità per qualche anno, lo Stato dovrebbe dire ‘avete acquisito un diritto’, e quindi dovrebbe sanare la situazione, regolarizzare e concedere il diritto a un contratto di affitto e, se possibile, di acquisto. Io sanerei quindi molte di queste situazioni. Per chi invece occupa di professione, magari in rapporti con la criminalità organizzata, si deve procedere con gli sfratti immediati“. Così Eloisa Fanuli, dirigente della Lega nel Lazio, nel corso di un’intervista all’agenzia Dire.

LEGGI ANCHE: Fanuli (Lega Lazio): “Videocamere contro violenze nelle scuole e strutture per anziani”

Migranti, Fanuli (Lega): “Ue è sovranista e Italia subisce, il problema è l’assenza di regole”

Ddl Zan, Fanuli (Lega): “Disarmante che la sinistra si occupi di questo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»