Bari-Napoli, il progetto ferroviario atteso da decenni è ora completamente finanziato

Un investimento di 15,4 miliardi di euro, di cui il 51% delle nuove risorse previste dall'aggiornamento del contratto di programma 2017-2021 di Rete Ferroviaria Italiana destinato al Sud
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – Un investimento di 15,4 miliardi di euro, di cui il 51% delle nuove risorse previste dall’aggiornamento del contratto di programma 2017-2021 di Rete Ferroviaria Italiana destinato al Sud. A riferirlo e’ stato l’amministratore delegato RFI, Maurizio Gentile, nel corso dell’audizione alla commissione Trasporti della Camera dei deputati. Gli investimenti si suddividono tra nuove linee (6 miliardi di euro); sicurezza (2,2 mld); direttrici di rete convenzionali (2,2 mld); potenziamento tecnologico (1,8 mld); potenziamento nodi urbani (1,5 mld); linee regionali (1,1 mld); collegamento dell’ultimo miglio (200 mln); ferrovie turistiche (100 mln). “È la prima volta che una percentuale cosi’ cospicua delle risorse viene dedicata ai territori del Mezzogiorno per potenziare e innovare la propria rete ferroviaria– dichiara il deputato pugliese Emanuele Scagliusi, capogruppo M5S in commissione Trasporti a Montecitorio- Il progetto atteso da decenni della Bari-Napoli viene completamente finanziato: restano da fare le gare e realizzare le opere. Tra gli interventi finanziati anche la stazione AV Foggia Cervaro, l’elettrificazione e ammodernamento della linea Barletta-Canosa e la progettazione della variante Bari Nord. Siamo particolarmente soddisfatti: anche se l’emergenza sanitaria Covid-19 ha comportato un rallentamento dei cantieri che potrebbero subire ritardi nella consegna dei lavori- prosegue il parlamentare- l’ad Gentile ha rassicurato il massimo impegno di RFI per il recupero del tempo perduto nella seconda parte del 2020″. Entro l’anno e’ prevista, difatti, una raffica di appalti con la pubblicazione di gare per 13,8 miliardi di euro, di cui 7,5 per i progetti e 6,3 per i programmi, in tutti i settori.

L’aggiornamento contrattuale si divide in 5 items: maggiori risorse per il recupero infrastrutturale del Sud; massima cura del patrimonio infrastrutturale esistente ovvero manutenzione; centralita’ delle stazioni ferroviarie per le citta’ del futuro; infrastrutture per accompagnare i turisti alla scoperta del Paese (ferrovie turistiche) e tecnologia Ertms per l’interoperabilita’ dei treni con cui si punta a coprire l’intera linea in 15 anni. “Si tratta di investimenti che vanno nella direzione del miglioramento dell’intera rete, sia in termini di fruibilita’ che di sicurezza- conclude il deputato pugliese Emanuele Scagliusi, capogruppo M5S in commissione Trasporti a Montecitorio- Giovedi’ voteremo in commissione Trasporti il parere definitivo all’aggiornamento 2018-2019 del contratto di programma 2017-2021 dando il via libera parlamentare agli investimenti di RFI”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»