Marche, approvata dalla Giunta regionale la delibera sull’ittiturismo

Pesca-sportiva
Il vicepresidente Mirco Carloni, assessore alla Pesca: “Ultimo passaggio necessario per rendere operativa la legge e allinearci a quanto sta evolvendo a livello nazionale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “Con questa delibera la Giunta regionale finalmente rende possibile una nuova opportunità, da anni ferma, per gli imprenditori della pesca che potranno aprire attività di ricezione e somministrazione per promuovere il nostro prodotto ittico e far vivere un’esperienza gastronomica ai turisti. Il mio auspicio è che, in questo senso, possano aprire nuove attività e nuovi posti di lavoro”. È quanto ha affermato il vicepresidente Mirco Carloni, assessore alla Pesca, dopo che la Giunta regionale ha approvato la delibera attuativa sull’ittiturismo.

Normato con legge regionale 33/2019 e disciplinato con regolamento regionale 1/2021, il comparto del turismo legato alla pesca aveva bisogno dell’ultimo passaggio necessario per rendere operativa questa opportunità nelle Marche. La Giunta ha approvato il modello di Scia, di piano aziendale e le disposizioni igienico sanitarie da rispettare nella preparazione e somministrazione degli alimenti. “Le Marche si allineano a quanto sta evolvendo a livello nazionale, per consentire alle imprese della pesca di acquisire quella multifunzionalità capace di garantire un’integrazione del reddito e di valorizzare una filiera produttiva, anche del pesato, locale”, ha detto Carloni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»