Individuata in Sardegna una nuova variante del Covid

laboratorio coronavirus nuova variante cagliari sardegna
La scoperta nel nuovo laboratorio del Policlinico Casula a Cagliari. La mutazione A.27 non è ancora stata segnalata in Italia ma è già presente in alcuni paesi europei
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – Il laboratorio dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari ha identificata una variante di Sars-Cov-2, al momento non ancora segnalata in Italia, ma già presente in alcuni Paesi europei come Slovenia, Francia, Svizzera e Regno Unito. La scoperta di A.27, questo il nome tecnico della variante trovata dal team del direttore del laboratorio del Policlinico Casula, Ferdinando Coghe, in stretta collaborazione con l’equipe del professor Germano Orrù, responsabile del servizio di biologia molecolare, è stata resa possibile dall’acquisizione da parte dell’Azienda di una nuova piattaforma per il sequenziamento genico in Next generation sequencing (Ngs), con processività medio-alta, che consente di cercare e trovare nuove varianti del virus.

“Un risultato importante per il laboratorio, centro di riferimento per tutto il Centro Sud della Sardegna, che dall’inizio della pandemia ha macinato numeri notevoli- sottolinea il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Cagliari, Giorgio Sorrentino– con 205.000 tamponi molecolari esaminati, 165.000 per necessità dal Servizio sanitario regionale e oltre 40.000 richiesti dall’Aou, 11.000 dal pronto soccorso, 3.000 richiesti dall’Ostetricia per ricoveri urgenti o parti”.

“Un orgoglio per tutta l’azienda e per l’intera Sardegna, un lavoro imponente e importantissimo che dimostra la grande professionalità del nostro team”, aggiunge la direttrice sanitaria, Paola Racugno. Le mutazioni a cui i virus vanno incontro “possono avere un impatto significativo sulla loro capacità di trasmissione e sull’efficacia dei vaccini e dei farmaci antivirali- spiega Coghe-. Per questo motivo, in tutto il mondo il sequenziamento dell’intero genoma Wgs è ritenuto estremamente importante e ha consentito l’identificazione di varianti come la B.1.1.7 (variante Uk), B.1.351 (Sud Africa) o P.1 (Brasile)”.

Mossi dallo stesso interesse, i ricercatori dell’Aou di Cagliari, sono attivamente impegnati in un programma nazionale di sorveglianza, coordinato dall’Istituto superiore di sanità, e, recentemente, proprio in occasione di una survey sulle varianti, hanno individuato la presenza della A.27 in quattro cittadini residenti nel Centro Sud Sardegna, uno dei quali è deceduto. “La variante A.27- sottolinea ancora Coghe- merita un’attenzione speciale in quanto presenta una combinazione di due mutazioni peculiari, la N501Y ed L452R che, in combinazione con alcune mutazioni aggiuntive, sembrano essere responsabili di una maggiore trasmissione del virus“. L’aumentato riscontro del numero di varianti, in particolare quelle che interessano la proteina Spike, conclude il direttore del laboratorio, “sta preoccupando la comunità scientifica per la possibilità che queste mutazioni possano indurre una maggiore infettività, virulenza e addirittura la capacità del virus di sfuggire all’azione degli anticorpi”.

NIEDDU: “NUOVA VARIANTE ‘SARDA’? PER ORA NON CI PREOCCUPA”

“La nuova variante del Covid scoperta in Sardegna? Per ora non siamo preoccupati. Si tratta di una variante locale della variante inglese, l’auspicio è che rientri nell’ambito di una mutazione di cui conosciamo già le caratteristiche di maggiore infettività, ma, per fortuna, anche di non grande aggressività”. Così l’assessore alla Sanità della Regione Sardegna, Mario Nieddu, intervenuto a RaiNews 24.

LEGGI ANCHE: Vaccino, Sileri: “Ema potrebbe limitare AstraZeneca a certe categorie”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»