Palermo sarà zona rossa, Musumeci firma l’ordinanza

nello musumeci
A seguito di un aumento dei contagi nella città negli ultimi giorni, con una conseguente crescente pressione sui reparti di terapia intensiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Palermo sarà in ‘zona rossa’ a partire da mezzanotte e fino al 14 aprile. Lo dispone una ordinanza appena firmata dal governatore siciliano, Nello Musumeci, visto l’aumento dei contagi da coronavirus nel capoluogo dell’Isola.

 Le attività scolastiche e didattiche saranno in presenza solo fino alla prima media. Per tutte le altre attività scolastiche è prevista la didattica a distanza. “Le misure sono state adottate a seguito della richiesta del sindaco di Palermo di disporre provvedimenti maggiormente restrittivi rispetto all’attuale ‘zona arancione’ e dopo la relazione in tal senso del Commissario ad acta per l’emergenza Covid dell’area metropolitana di Palermo”, spiega una nota della Regione Siciliana. 

“Abbiamo registrato negli ultimi giorni un aumento dei contagi nella città di Palermo, con una conseguente crescente pressione sui reparti di terapia intensiva. I parametri per dichiarare la ‘zona rossa’ non sono stati ancora raggiunti ma non escluderei, nella giornata di martedì, 6 aprile, l’adozione del provvedimento, d’intesa con il sindaco, quale utile misura preventiva per evitare il picco dei positivi al Covid”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, dopo un confronto nel pomeriggio di ieri con i vertici del dipartimento regionale per la Salute.

A PALERMO 275,2 NUOVI CASI OGNI CENTOMILA ABITANTI

Il numero dei nuovi positivi a Palermo, sulla base dei dati provvisori trasmessi dal commissario per l’emergenza Covid, nella settimana dal 30 marzo al 5 aprile è di 1.763: pari a 275,2 per centomila abitanti. Ne dà notizia il Comune di Palermo. “Ieri, con riferimento alla settimana dal 28 marzo al 3 aprile, era pari a 251,3”, sostiene l’Ufficio statistica del Comune.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»