Coronavirus, l’Europa sta perdendo l’Italia? Il Financial Times cita Calenda

Per il giornale, l'eurodeputato come testimone 'minaccia esistenziale'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ una minaccia esistenziale, non sono sicuro che ce la faremo“. La frase, attribuita a Carlo Calenda, parlamentare Ue ricordato per il suo slogan elettorale “Siamo europei” di appena un anno fa, e’ rilanciata oggi dal Financial Times in un articolo nel quale si chiede se con la crisi del Covid-19 l’Europa stia “perdendo” l’Italia. In cerca di risposte il giornale prende spunto proprio dall’ex ministro e rappresentante permanente presso l’Ue, riferendo di “una crisi della fede in un’idea per la quale ha sempre combattuto”. Diverse le citazioni di Calenda, ora alla guida di Azione: “Dovete considerare che il mio partito e’ uno dei piu’ europeisti in Italia e che adesso ci sono esponenti che mi scrivono: ‘Perche’ vogliamo stare nell’Ue? Non serve a nulla”. Secondo il Financial Times, “con oltre 15.000 decessi con coronavirus e un’economia destinata a soffrire la peggiore recessione della sua storia recente c’e’ un sentimento sempre piu’ diffuso anche tra l’elite piu’ europeista che il Paese e’ abbandonato dai suoi vicini“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Von der Leyen e la svolta dell’Ue: “Cassa integrazione europea, nessuno perderà il lavoro”

A confermarlo, appunto, gli allarmi lanciati da Calenda. “In Italia e’ in corso uno spostamento massiccio” la denuncia dell’eurodeputato: “Migliaia di europesti si stanno riposizionando”. L’articolo del Financial Times si conclude con una citazione del messaggio alla nazione del presidente Sergio Mattarella, definito “un garante della Costituzione e delle alleanze internazionali” dell’Italia: “Mi auguro che tutti comprendano appieno, prima che sia troppo tardi, la gravita’ della minaccia per l’Europa”.

LEGGI ANCHE: Se l’Europa non è solidale a che cosa serve?

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»